Altra Economia a Roma: economia sostenibile o business per il rilancio della Città dell'Altra Economia?

Città dell'Altra Economia Roma

Torno a parlare di "Altra Economia", non per la spesa di Pasqua genuina, sostenibile e a km zero garantita da tutti quei Mercati, Mercatini ed Eventi Sostenibili già segnalati dalla Roma Bio-Eco-Sostenibile, quanto piuttosto per l’uso che questo termine rischia di assumere nella Città dell'Altra Economia.

La Città dell'Altra Economia votata alla green economy e aperta dal 29 settembre 2007 agli agricoltori biologici laziali, ai prodotti artigianali, alle tradizioni, al riciclo sostenibile, alle economie alternative, le energie pulite, al software libero, la finanza etica, il risparmio energetico, il commercio equo e solidale .. rischia infatti di dover condividere i 3.500 metri quadrati del Campo Boario dell'ex Mattatoio con ‘categorie merceologiche’ agli antipodi.

Stando alle ‘specifiche’ del nuovo bando per nuove imprese a Campo Boario indetto dal Campidoglio per rilanciare la Città dell'Altra Economia, pur tenendo fermo il fine di promozione della cultura e dell’economia bio-ecocompatibile, sembra infatti come specificato nell’allegato A dei settori ammessi, che possano aspirare ad occupare gli spessi spazi, Allevamento di cammelli e camelidi o animali da pelliccia, quanto quelli che si occupano di Trattamento dei combustibili nucleari (escluso l'arricchimento di uranio e torio), Fabbricazione di armi e munizioni, Fabbricazione di macchine e apparecchi per le industrie chimiche, petrolchimiche e petrolifere (incluse parti e accessori) ..

Il bando in questione scade alle ore 13 del 10 maggio, e ovviamente qualche perplessità la solleva, insieme all’indignazione di quanti si adoperano da anni per rendere La Città dell'Altra Economia un’esperienza di economia alternativa più univa che rara in città. A questo proposito ..

  • shares
  • Mail