La Tana della Lupa: Immortal Totti


Totti batte Udinese 2 - 1. E siamo alla terza doppietta. Tutte decisive. Tutte praticamente da solo. Quota 203 reti in serie A. 258 con la Roma. Undici goal in campionato (primo in rosa). Cucchiaio e dessert.

Il Capitano è l'unica bandiera da sventolare per noi tifosi. Il resto è quasi vergognoso. La Roma espugna Udine rubando. Dopo aver sprecato l'ennesima super chance. Contro un Udinese stanco e monco, senza i suoi pezzi pregiati, con Di Natale zoppo.

Vucinic, imbeccato da Totti con palloni di platino, è irritante per l'evanescenza della sua volontà. Sembra giocare in ciabatte. Ma Montella pare voglia vendicarsi dei vecchi trattamenti Capello con Marco Borriello. Intanto Pinzi da pirlotto ci regala un rigore. Il numero 10 giallorosso dal dischetto confeziona un cucchiaio come solo lui sa fare. Classe e follia.

Il vantaggio romanista mette quel che resta dell'Udinese in ginocchio. C'è solo da chiudere la pratica. Ecco perché tutti aspettiamo il pareggio, che puntuale arriva verticalmente (senza Mexes siamo carne da macello). Non è finita, perché ovviamente becchiamo pure i contropiedoni letali, e su uno ecco la frittata più oscena.

Doni va a raccogliere i trifogli e 3 giocatori sulla linea di porta riescono a farsi anticipare producendo un rigore ineccepibile. Ma Damato, quello che proprio non li vede i falli di mano, fischia contro l'Udinese! Grottesco.

Non è ancora finita, perché Totti, il finito che non si arrende mai, inventa una perla da autentico attaccante di razza, alla Inzaghi per intenderci. E ci portiamo via il bottino pieno, condannando l'Udinese probabilmente a perdere quel quarto posto che meritava per la stagione (ma il campionatino italiano ha le sue priorità, lo scrivamo da sempre).

Che ora ci facciano la morale niente meno che Lotito o Reja ci fa invece ridere, tanto per cambiare. Senza contare che la Lazio (quelli di Lazio-Inter capite..), se ha ancora qualche speranza è perché abbiamo (e hanno) frenato l'Udinese. Per non dire di Pozzo e Guidolin, che ne dicano altri ipocriti, di come hanno reagito con molto più acume di questo personaggio patetico.

Una cosa è chiara, il sistema che impedisce (come a Bologna?) ai tifosi di seguire le proprie squadre in trasferta, punta invece ad avere sempre tanti abbonati per il calcio in tv. I collegamenti per la Champions, dove intanto ormai collezioniamo tutti ricche figure, costano e solo le solite squadre garantiscono il giusto numero di abbonati. Guardate i numeri dei tifosi delle squadre italiane e fatevi due conti, purtroppo qualcuno ora sospetta giustamente che se li stanno facendo anche oltreoceano...

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: