Enrico Berlinguer a Roma: a 30 anni dalla scomparsa, dal film di Veltroni alla via proposta da Marino

A 30 anni dalla scomparsa, Walter Veltroni porta al cinema "Quando c’era Berlinguer", il sindaco Marino propone di intitolare al segretario del PC una via di Roma.

« La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni, la effettiva governabilità del paese e la tenuta del regime democratico.»
(Enrico Berlinguer, da un'intervista a la Repubblica del 28 luglio 1981)

A 30 anni dalla scomparsa del segretario del Partito Comunista italiano, e la ‘questione morale’ della politica, la giunta capitolina ha appena votato la proposta del sindaco Marino di intitolare una strada, nei pressi di via delle Botteghe Oscure allo storico leader che

"incarna per tutti gli italiani la figura del politico in grado di suscitare unanime stima e rispetto. Sentimenti condivisi anche dai suoi avversari politici, che gli hanno sempre riconosciuto specchiata coerenza e lealtà."

La proposta, contenuta in una memoria di Giunta concordata con l’assessore alla Cultura, creatività e promozione artistica, Flavia Barca, che aspetta di essere sottoposta alla commissione toponomastica, appena nominata, il prossimo 13 maggio.

Un omaggio al carisma gentile dell'uomo e del politico, arrivato alla memoria collettiva delle generazioni più giovani, anche attraverso quella presa in braccio condita con un pizzico di satira da Roberto Benigni.

Enrico_Berlinguer_preso-in-braccio-da_Roberto_Benigni

La memoria collettiva 'evaporata in una nuvola rossa', a trent’anni dalla scomparsa del leader del Partito Comunista, quell’11 giugno del 1984, esplorata anche dal documentario portato sul grande schermo da Walter Veltroni con quel "Quando c’era Berlinguer", realizzato da Palomar e prodotto da Sky, che lo trasmetterà a giugno.

Foto | Wikipedia

  • shares
  • Mail