X Factor on the road, chi vince?

Con l'arrivo della bella stagione le vie del centro di Roma tornano ad essere territori di conquista (non che in inverno non lo siano ma con meno invasori). Di chi? Di tutti. Venditori abusivi, ambulanti, zozzoni, performers, mimi, tavolini e ovviamente frotte di turisti allo sbaraglio.

I bacarozzi non mancano mai. Quelli sono stanziali. Capita comunque, in una piazza almeno a parole pedonale, di rilassarsi e alzare lo sguardo, ammirando in una giornata di sole le meraviglie architettoniche di Roma. Magari inchinandoti muto alla Sapienza della Minerva.

Ecco. Capiterebbe. Fatto sta che vieni, come notate dal video, fortemente riportato alla cruda realtà, quando alcuni devastatori comuni stanno incrociando le lame. Si tratta di suonatori e coristi, si fa per dire, che inghiottono tutta la cornice del quadro, facendo un casino insopportabile.

Da una parte i classici violinisti amplificati, che strimpellano come gatti in calore, stuprando amabili melodie a tutto volume. A pochi metri, dopo il bacarozzo canonico, un gregge di pellegrini petulanti, desiderosi di panchine (ma costretti alle sole palle dissuasori) belano urlanti in coro le loro canzoni da fedeli.

Del resto il quartiere è noto per la presenza cattolica (di molti esercizi ed edifici). Magari è meno cristiana questa prepotenza di imporre le proprie colonne sonore esistenziali. Chi è arrivato, ma, soprattutto, chi se ne andrà per primo? E senza sollevare scismi, vi chiediamo anche: Chi vince fra i due gruppi? Nel senso di chi è più stonato, ovviamente...

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: