06 zoom - Un rondone fa primavera

L\'arrivo dei rondoni a Roma

Glielo dovevo. E lo dovevo a tutti quelli che mi chiedono perché ho scelto di firmarmi come RondoneR (rondone romano). Per farlo non c'è altro modo che provare a catturarli fotograficamente. Impresa praticamente impossibile.

Aprile a Roma significa l'arrivo dei rondoni. Anche quest'anno sono arrivati il primo (puntuali come se avessero il calendario), e ho capito che la primavera era qui. L'umanità da sempre li confonde con le rondini (ho già spiegato che sono uccelli molto diversi), ma quello che accomuna tutti, quando sentono le grida inseguirsi fra i tetti delle metropoli, è lo spirito romantico della bella stagione che incalza.

Non esiste film d'amore senza le grida in sottofondo dei rondoni. Da adesso fino a Luglio non esiste tramonto o alba che non venga celebrata da questi campioni di volo e poesia. Di velocità e leggerezza. Di entusiasmo e joie de vivre.


Perché è questo che portano. La lieta novella della primavera. La voglia di volare. Persino il pessimismo di Leopardi cedeva dinanzi agli uccelli (magari non pensava ai rondoni, ma avrebbe ammesso che lo esaltavano, credetemi).


Purtroppo a Roma sono molto diminuiti, come ho avuto già modo di spiegare, a causa del riscaldamento globale, dell'inquinamento (non solo smog, ma anche elettrico ed acustico) e dei malefici gabbiani, che gli rubano spazio sui tetti e gli mangiano i piccoli.

Per fortuna però sulle mie tegole ancora nidificano, e ho modo di vederli e ripenderli da vicino. Fotografarli, vi ripeto, è davvero un'impresa, mentre filmandoli (come feci per gli storni) ho potuto poi estrarre qualcosa. Sarà che sono fissato, ma ditemi voi, se ogni fotogramma, ogni frame, non è un verso.


Il movimento delle ali dei rondoni, (apus apus, gli uccelli più veloci del mondo, con la maggior resistenza in volo) è simile ad una pennellata d'autore. Quando passano radenti fanno venire vertigini da brivido. Sapete che per decollare, devono cadere nel vuoto? Ora mi capite?


Il fatto che poi questi animali prediligano la vita metropolitana li rende quasi magici. Se Batman non fosse stato nottambulo, avrebbe avuto un altro modello di riferimento... Ho straparlato abbastanza, va bene. Vi lascio alle immagini e al video. Buon volo, non avete bisogno di allacciare le cinture di sicurezza.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: