Roma Città Aperta a Tutto: nel mese dell'Amore

06zoon_4aprile

Anche se non sentite fluire in voi gli effluvi di questo mese dell’amore, pieno di compleanni e festività che si barcamenano tra presente e passato, innovazione e tradizione, sacro e profano, non c’è limite a quello che può accogliere la Roma città aperta a tutto e anche di più, dai ragazzi tunisini ai i colossi del Truck Day, dai sit-in per la "Libia libera" all'esercito della "Generazione Precaria".

Una Roma plurale, con tanti paesaggi come quelli in mostra all'Ara Pacis, e tante fortezze inespugnabili come Castel Sant'Angelo, ma pur sempre a caccia di finanziatori privati per la riqualificazione. Una città capace di darsi all’ippica spesso e volentieri, quanto a forme di ironia che fanno un baffo a quella british, provvista di ogni genere di forza dell’ordine, compresi Tevere Rangers, e di un caos, non solo della movida, che evidentemente a troppi fa comodo così.

Una capitale "sorprendente" che potete girare bene virtualmente e un po’ meno sulla strada, corredata di ogni genere di servizio geolocalizzato da esplorare in un "touch", e di servizi reali che non hanno mai lasciato la carta. Però se ne avete voglia invito tutti a condividere il proprio elenco di contraddizione di questa capitale dell’amore, che in molti preferiscono anche a Parigi.

Foto | 06 zoom

  • shares
  • Mail