Protesta sulla Cupola di San Pietro, ancora lui

Non è Spiderman, ma gli assomiglia. Per la quarta volta Marcello Di Finizio è salito sulla cupola di San Pietro per protestare con uno striscione.

Imprenditore sale su cupola San Pietro,è la 4/a volta

Seconda notte lassù per l'imprenditore triestino che sabato pomeriggio ha "scalato" per la quarta volta la cupola di San Pietro per lanciare il suo appello a papa Francesco e al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Il 47enne, titolare di un locale sul lungomare di Trieste, si è seduto su una delle finestre del Cupolone per manifestare contro la legge Bolkestein che lo avrebbe ridotto sul lastrico.

È rimasto seduto sulla finestra anche durante l’Angelus domenicale di Papa Francesco. Gli sono state consegnate medicine di primo soccorso per cercare di curare il taglio che probabilmente si è procurato scavalcando la balaustra (posizionata da poco proprio per evitare gesti come il suo). Per calarsi sulla finestra della basilica.

Sergio Pizzolante, Vicecapogruppo Ncd Camera, in una nota fa sapere:

"Ho parlato con Marcello Di Finizio. Mi sembra che la situazione sia alquanto difficile se non drammatica. Siamo tutti pronti ad aiutarlo. Ho attivato tutti i canali ministeriali sia per quanto riguarda la sicurezza, sia per ciò che riguarda le competenza sul demanio. E' però fondamentale che il Comune di Trieste non tolga la concessione.

Per quanto riguarda la morosità e gli arretrarti è necessario lavorare per una rateizzazione che consenta a Marcello Di Finizio di reimpostare la sua attività imprenditoriale e ripartire. Siamo impegnati a trovare una soluzione a breve. Ho detto a Marcello, però, che non tutto si potrà risolvere in poche ore e quindi è necessario che lui scenda dalla Cupola e non faccia gesti inconsulti. Ci vorranno giorni, infatti, per delineare una soluzione e la sua permanenza è incompatibile con i tempi, seppur brevi, che saranno necessari".

Fonte e Foto ANSA

  • shares
  • Mail