Low cost: dove comprare usato per i bambini


Diceva Dante: “… del paradiso ci sono rimaste tre cose: i fiori, le stelle e i bambini…” d’accordo, ma quanto ci costano? Le neomamme e i neopapà sanno bene quanto il lieto arrivo dell’erede abbia provocato una vera e propria emorragia dal portafogli, con il risultato di avere il conto in banca in caduta libera verso un inesorabile rosso.

È per questo che abbiamo pensato che possa essere importante abbandonare anche l’ultimo tabù che alcuni hanno nei confronti di ciò che è di seconda mano (e vogliamo il meglio per i nostri figli e bla bla bla) e provare a tracciare insieme una mappa che certo non sarà esaustiva (per questo aspettiamo vostre segnalazioni!) dei negozi della Capitale in cui trovare il migliore usato per i nostri mocciosetti.

Ed è qui che si scopre un mondo davvero a parte, in cui ci si consiglia, si scambia, si compra e si vende proprio di tutto: dal semplice bavaglino alla tutina che non entra più, fino allo scaldabiberon, al canotto da spiaggia per il mare, al passeggino e addirittura alla culla!

Uno degli indirizzi più garantiti, anche perché ha filiali in tutta Italia, è Baby Bazar che si trova nel quartiere Prati. Qui si trova proprio di tutto: dall’abitino trendy griffato o meno fino al seggiolino per il viaggio o per le cene al ristorante e addirittura intere camerette da mettere a misura.

Il negozio riceve i venditori su appuntamento, mentre gli acquirenti possono controllare se c’è quello che cercano attraverso la vetrina on line sul sito ed eventualmente venire di persona nel punto vendita, magari accompagnati dai propri figli che nel frattempo si divertiranno nell’area giochi a loro dedicata.
Sull’Appia, invece, si trova Il Barattolino, che più che un negozio è una comunità, un punto d’incontro tra mamme e papà che hanno tre giorni per cambiare idea e decidere se restituire l’acquisto, o sostituirlo.

Le mamme fornitrici, invece, possono controllare on line la propria merce ancora in vendita e calcolare il guadagno ottenuto dal venduto, per il quale ottengono il 50%. Qui di particolare troverete completi per battesimi e comunioni, abbigliamento sportivo, copertine e lenzuolini, giocattoli rigorosamente educativi, libri per l’infanzia.

Tra l’Aurelia e la via Boccea c’è uno dei primi negozi ad aver adottato la formula dell’usato per bambini: L’Armadietto, che ha aperto i battenti nel 1998. Qui l’area espositiva è notevole e l’offerta varia anche in base ai periodo dell’anno (a Carnevale, ad esempio, ci sono le maschere da 0 a 12 anni, d’estate gli accessori mare ecc.), ma troverete sempre vestiti premaman e addirittura abiti ancora con il cartellino che qui vengono venduti con uno sconto che può arrivare anche all’80%!

In tutti questi esercizi le regole sono press’a poco le stesse: oggetti e abiti in ottimo stato, nel caso dell’abbigliamento tutto è lavato e sterilizzato. Si tiene la merce esposta per un po’ a prezzi che oscillano tra la metà e l’80% di sconto (molti usano il contovendita) e poi in caso la si ritira se invenduta.

Se abitate a Roma sud potrebbe fare per voi Di Manina in manina a Casal Palocco, oppure L’Usatino a Ostia; se siete al nord provate a La Coccinella in zona Primavalle. Se, invece, cercate un vasto assortimento di vestitini, Alice e Mafalda a Monteverde è ciò che fa per voi, mentre per le grandi firme e i mobili la scelta giusta è Lo Stregatto al Portuense.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: