Municipi in rosso sul piede di guerra, in settimana incontro con Marino. Il punto

La settimana prossima i minisindaci incontreranno il primo cittadino Ignazio Marino per affrontare situazione delle casse "in rosso" delle loro amministrazioni. E in preparazione della riunione i presidenti dei Municipi fanno il punto.

I minisindaci dei Municipi di Roma chiedono «al sindaco e alla giunta di rendere immediatamente disponibile l’impegno delle risorse destinate ai servizi sociali per il 2014 previste nel Bilancio 2013-2015 approvato dall’assemblea capitolina il 6 dicembre 2013». altrimenti, spiegano, non saranno più in grado neanche di erogare i servizi di base.

"Da aprile non avremo più risorse per garantire l’assistenza agli anziani, ai disabili, ai minori", dice ad esempio Andrea Santoro, presidente del Municipio IX. "Le liste d’attesa per l’assistenza ai disabili già adesso sono il doppio degli utenti serviti", rincara il presidente Marco Scipioni, Municipio VI.

Il minisindaco del Municipio I Sabrina Alfonsi segnala che "mancano all’appello nove mesi di risorse, o quelle che rimangono le passiamo da un servizio all’altro arrivando così fino a maggio oppure siamo costretti a chiudere i servizi uno alla volta".

salvadanaio

Anche in centro storico, come continua Alfonsi è "chiuso il “segretariato sociale”; per l’assistenza domiciliare a disabili e anziani abbiamo impiegato già 290 mila euro in più della disponibilità".

Non se la passano meglio i Parioli, a sentire il presidente Gerace, Municipio II: "Già da alcuni giorni i servizi non hanno adeguata copertura economica. Sospenderli? Il rischio c’è". Anche da san Giovanni è allarme rosso, come nelle parole di Susi Fantino: "Alcuni servizi saranno a rischio tra qualche mese, altri da domani, dipende dalle zone. Sarebbe il caso però di mettere a bando alcuni servizi, non di farli sopravvivere".

Via | Corsera

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail