Roma da leggere: Guida alle librerie indipendenti di Roma

I bibliofili romani hanno finalmente un testo di riferimento indispensabile. La guida alle librerie indipendenti. Siamo particolarmente fieri perché le autrici le conosciamo bene noi di 06blog. Sara Regimenti e Roberta Barbi scrivono su queste colonne. Ma anche la terza firma, Egilde Verì, ha trascorsi da blogger di Blogo. Insomma, professionalità garantita.

Se per l'anteprima hanno già provveduto i nostri colleghi di Books, noi siamo andati alla presentazione ufficiale, al caffè letterario sull'Ostiense, di cui ora (grazie alla guida) conosciamo l'originale origine: "Un enorme garage trasformato in un luogo di design", da parcheggio sotteraneo a libreria trendy, aperta fino alle due di notte.

Introdotte da un editore altrettanto indipendente e intraprendente (l'idea di creare una mappatura nazionale, Milano e Bologna ci sono già, delle librerie è affascinante, coraggiosa ed utilissima), le ragazze hanno preso la parola per raccontarci questo anno di lavoro. Davvero sul territorio.

Ci tengono molto a ricordare di quanto la guida sia stata "scritta a piedi". Perché le 105 librerie recensite, nei minimi dettagli, sono davvero sparse per tutta Roma, e raggiungerle una per una, per viverle sul posto è stata una bellissima impresa.

Ci spiegano come l'esperienza fra questi piccoli punti vendita coraggiosi (baluardi contro la grande distribuzione) sia stata unica anche per i personaggi incredibili che segnano le librerie. Perché questi posti rappresentano per Roma luoghi di incontro particolari, originali, diversi.

Non solo, se le grandi librerie, che assomigliano a grandi magazzini, promuovono le stesse copertine, le stesse vetrine (!), appiattendosi a logiche di mercato e di marketing che distruggono la scelta libera del lettore, sono proprio le librerie indipendenti a salvare la ricerca autentica, quella del dialogo, del consiglio, della scoperta.

E se questi posti sono costretti ad aprire alla gastronomia (che vende più dei libri) c'è poco da criticarli. Anzi, emerge dalle giovani autrici, che la bella notizia sta proprio nella giovanezza dei fequentatori più assidui. Fra un aperitivo e un tea, due chiacchiere e il profumo delle pagine fresche di un romanzo ancora mai aperto.

La guida è davvero completa e puntuale, perché fornisce mappe dettagliate, con analisi storico sociale del rione, e con ben tre indici (di zona, tematico, alfabetico) permette una rapidissima consultazione. Come avrete il libro nelle mani correrete a sfogliarlo per trovare il vostro libraio di fiducia (il mio è Tombolini a via IV Novembre, un pezzo di storia romana), ma sarà scoprendo i nuovi che comincerà il vostro viaggio.

guida librerie indipendenti Roma
guida librerie indipendenti Roma

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: