Aung San Suu Kyi telefona a Veltroni: “Grazie Roma”


Che bello, una volta tanto, non scrivere di disagi, scioperi o arretratezze, troppo spesso lente d’ingrandimento attraverso la quale la nostra città viene vista nel resto d’Italia e nel mondo: da oggi Roma sarà sinonimo di grande coscienza sociale e mobilitazione!

Il Premio Nobel per la Pace birmano Aung San Suu Kyi, infatti, stamattina ha telefonato all’ex sindaco Walter Veltroni per ringraziarlo di quanto da lui e dai cittadini di Roma fatto in favore della sua liberazione durante l’amministrazione di centrosinistra. Sembra che le sue parole siano state “immensa gratitudine per il sostegno alla causa della sua libertà e dei diritti in Birmania”.

Inoltre pare che i due si siano trovati d’accordo sulla necessità di continuare a impegnarsi con tutte le energie civili per sostenere la causa della democrazia e della libertà in Birmania. Per chi non se lo ricordasse, Aung San Suu Kyi, ormai 65enne, è stata liberata nel novembre scorso, dopo oltre 20 anni di condanne e arresti domiciliari.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail