Riapre al pubblico la Collezione Farnesina di Arte Contemporanea

Riaperta sabato scorso per la seconda edizione, il calendario di “Farnesina Porte Aperte” è uscito oggi su RAI Utile e conferma le date viste a novembre: la Collezione di Arte Contemporanea Italiana del palazzo sarà aperta al publico nei sabati 24 marzo, 19 maggio, 21 luglio e a settembre per la Notte Bianca 2007.

Insieme all’installazione “Sagome 547”, dedicata al numero stimato dall'Unicef per le vittime che ogni giorno muoiono in tenerà età a causa di guerre, guerriglie e terrorismo, saranno esposte le 236 opere della collezione di cui AISE dice:

Solo al primo dei nove piani della Farnesina si possono letteralmente ammirare un meraviglioso controsoffitto realizzato nel 1950 da Pietro Cascella per la Sala Conferenze Internazionali, due imponenti cartoni preparatori a "L’Impero" (1936-38) e "Il Lavoratore" (1936) di Mario Sironi, l’action painting del "Ciclo 81" (1981) di Emilio Vedova confrontarsi faccia a faccia con il più delicato astrattismo di una "Composizione" (1953) di Emilio Scanavino. E poi ancora, addentrandosi tra anditi e sale del Ministero, si incontrano l’arte povera e del recupero di Joannis Kounellis e Mario Ceroli, il realismo lirico della "Superficie 627" (1967) di Giuseppe Capogrossi, una delle pochissime tele lasciateci dall’artista che usava distruggere i propri lavori dopo averli terminati, l’astrattismo concreto de "Le Città d’America" (1952) di Afro, due "Architetture con Cactus" (1991) di Alberto Burri, la scultura informale di Leoncillo e "L’Amante Morta" (1922) di Arturo Martini.

Per una volta tanto, le cose sono a posto anche sul web e la Collezione Farnesina è visitabile anche online per immagini e con percorsi guidati.

  • shares
  • Mail