Maxi stipendi Vigili di Roma: da 93 a 170mila euro per capi ed ex come Angelo Giuliani, arrestato per corruzione

Svelati anche i Maxi stipendi dei Vigili, da 93 a 170mila euro assegnati a capi come Raffaele Clemente ed ex come Angelo Giuliani, appena arrestato per corruzione.

Mentre Il sindacato Sulpl si prepara a scioperare durante la Maratona di Roma, per far valere le richieste alle problematiche dei Caschi Bianchi, la ventata di trasparenza che sta scoperchiando il vaso di Pandora delle municipalizzate della capitale, ha investito anche i super stipendi dei comandanti della Polizia Locale di Roma, ex vigili urbani solo di nome.

Il Valzer della bella Addormentata suonato dalla Banda dei Vigili Urbani di Roma mi sembra adeguato come sottofondo musicale per accompagnare la lettura.

Maxi stipendi come quello del capo dei vigili, Raffaele Clemente, con i suoi 170mila euro l'anno, che arrivano in gran parte da indennità di servizio e bonus produzioni, con circa 30mila euro in più rispetto a quanto stabilito dalla richiesta di incarico lo scorso ottobre, 50mila euro in più dell'ex Carlo Buttarelli, oggi direttore del Mercato dei fiori fermo a 120mila euro con un indennità è di 45mila euro.

Stipendi vergognosi che si estendono anche agli ex comandanti generali, come il dirigente e capo della scuola della polizia Municipale, Angelo Giuliani, arrivato a 146mila euro, con 86mila di indennità di servizio. Lo stesso appena arrestato dai Carabinieri, ai domiciliari, con altre tre persone, con l'accusa di corruzione, relativa ad un appalto irregolare assegnato alla società 'Sicurezza e ambiente' per la pulizia delle strade dopo ogni incidente.

Compensi che vanno dai 92-93 mila euro per i comandanti del I gruppo Prati, II, III, IV, XI e XIII gruppo, ai 132mila assegnati al comandante del XV gruppo - Cassia, Donatella Scafati, con una retribuzione del 2013 attestata sui 20 mila euro. Il capo del II gruppo - Parioli, Maurizio Sozi con un bonus di 19mila euro arriva a 112mila euro, seguito dai 106mila del capo del V e il VI gruppo, Maurizio Maggi, 105mila per Marco Giovagnorio al Tuscolano, e 100mila euro dal comandante di Monte Mario, Antonio Bertola.

Cifre accumulate con lo stipendio tabellario fermo per tutti a 43 mila euro, maggiorato da bonus produzione (retribuzioni di risultato) che oscillano da 300 ai 20mila euro, e indennità di vacanza continuata, la retribuzione di anzianità e i compensi per i corsi formativi la cifra tra i 100 e i 370euro.

ITALY-WEATHER-STORM-FEATURE
Una tendenza che si scontra con la politica del risparmio che mette a rischio gli straordinari (sino a 200 euro al mese in più) dei vigili che arrivano a percepire 1400 euro al mese, commentata da Luigi Marucci, presidente dell'Ospol.

Gabriele Di Bella, funzionario della polizia municipale e dirigente sindacale, estende l'accusa:

"mentre i gruppi periferici sono senza fondi per gli straordinari, la sezione Pics, i cosiddetti pretoriani del sindaco, circa 50 persone, ha a disposizione un fondo per straordinario pari a 116 mila euro per gennaio e febbraio".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail