La Tana della Lupa: Alemanno alle radio dei tifosi, nel western sulla cessione della Roma

Edizione speciale della Tana, non tanto per salutare la bella vittoria di ieri sera a Torino contro la Juve nei quarti di coppa Italia (per molti tifosi romanisti la sfida con i bianconeri è il vero derby), quanto per il clima surreale che si respira in città, sponda giallorossa, e purtroppo, come sempre, non solo.

Ancora una volta la possibile cessione definitiva della società diventa l'argomento principale nell'ambiente. Non si parla d'altro. Nonostante le innumerevoli fumate nere del passato, però, tutti si permettono di conoscere l'esito delle trattative private.

I protagonisti sono di nuovo americani: Thomas R. Di Benedetto, Julian Movsesian, William C. Powers, Michael A. Ruane e Arthur J. Falcone. Un consorzio di imprenditori statunitensi che si sono incontrati a New York in questi giorni, prolugando l'incontro con i vertici di Unicredit (attuale proprietaria della AS Roma).

Paolo Fiorentino (vicedirettore generale di UniCredit) e Piergiorgio Peluso (responsabile corporate and investment banking) hanno proseguito gli incontri con Di Benedetto, presidente del Boston Internatio­nal Group dal 1983 ed azionista dei Boston Red Sox di baseball.

Forse i più prudenti e scaramantici sono proprio i tifosi, ormai stufi di essere presi in giro dai media, che invece danno per fatto l'accordo, con tanto di memorandum e scadenze. Lunedì questo la prima. Non solo, nella vicenda prendono parola anche coloro che in una questione di compravendita privata, non si capisce bene quale ruolo rivestano.

Così perfino il sindaco Alemanno interviene nella radio dei tifosi (Rete Sport, Radio Radio) per garantire la sua equidistanza tra le offerte (rispondendo così alle critiche di Marco Miccoli, segretario PD Roma, che lo invitava a non intromettersi per lanciare la volata alla cordata Angelucci, di fatto mai arresa). Insomma il solito caso politico.

Intanto noi restiamo come al solito ben appollaiati fra le tegole, godendoci almeno i risultati, senza far finta di non sapere che "il recupero di ruolo" non sia così separato da tutta questa vicenda. Senza esagerare comunque. Tutti sembrano risvegliarsi ultimamente, ma se la squadra ieri ha finalmente convinto oltre la vittoria, la pochezza della Juventus attuale, è evidente. In tutti i sensi.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: