Viaggiare informati nei Castelli Romani: una guida scaricabile on line attenta alla disabilità

viaggiare_informati_nei_castelli_romani

La nostra regione così ricca di storia e cultura, risorse paesaggistiche e specialità enogastronomiche, non lesina certo guide specializzate, nate per valorizzarne i pregi e agevolarne le esplorazioni, ma le cose cambiano decisamente quando si inizia a parlare di “turismo accessibile a tutti”, anche se si arriva solo ai Castelli Romani.

Ovviamente se non vi siete mai trovati a dover fare i conti con i limiti imposti da ogni genere di disabilità, momentanea o permanente, diretta o condivisa, forse non siete in grado di valutare la nuova guida “Viaggiare Informati nei Castelli Romani”, ma è indubbio che ne possiate apprezzare propositi e obiettivi prima ancora dell’effettiva utilità.

La pubblicazione scaricabile gratuitamente on line dal sito del Presidio Lazio e quello delle Politiche Sociali e della Famiglia della Regione Lazio, nei formati word, pdf e mp3 per i non vedenti secondo lo stile degli audio-libri, si concentra infatti sulla descrizione attendibile e verificata di strutture e servizi, dedicando una speciale attenzione alle caratteristiche di fruibilità degli spazi e all’eventuale presenza di barriere architettoniche.

Oltre a privilegiare strutture ricettive, ristorative, per lo svago e il tempo libero, in grado di soddisfare le esigenze dei diversamente abili, la guida mette anche a fuoco tutte quelle che sono in grado di promuovere l’integrazione sociale e lavorativa delle persone con disabilità.

La pubblicazione realizzata da Co.In. Onlus (Cooperative Integrate) nell'ambito del progetto regionale presidio del Lazio - Centro Servizi Regionale per l'autonomia e le diverse abilità, promosso e finanziato dall'assessorato alle Politiche Sociali e Famiglia della Regione Lazio, con il Patrocinio dell'Ente Parco dei Castelli Romani e con la collaborazione delle Associazioni Nazionali di rappresentanza delle persone disabili Anglat, Fand Lazio e Uici Lazio, ovviamente costituisce solo un piccolo passo avanti lungo la strada del turismo accessibile a tutti, che per ora le barriere non le elimina ma quanto meno le segnala, fornendo a qualcuno la possibilità di aggirarle.

  • shares
  • Mail