Parte il restauro del Colosseo: 25 milioni a carico di Della Valle e 2 anni e mezzo di lavori


Dureranno due anni e mezzo dal momento della partenza del cantiere, ovvero la fine del 2011. Ma alla fine il Colosseo tornerà a brillare come quando 2000 anni fa ospitava gladiatori e fiere. Parliamo del grande restauro dell'Anfiteatro Flavio i cui lavori di recupero sono stati avviati simbolicamente ieri sera con la firma tra il mecenate dell'operazione, Diego Della Valle ed il ministero dei Beni Culturali.

I lavori sull'Anfiteatro Flavio interesseranno il restauro dei prospetti settentrionlai e meridionali, ovvero le facciate oggi nere per colpa dell'inquinamento, la sostituzione delle cancellate dei fornici del primo ordine (i famigerati tubi innocenti), la realizzazione di una nuova illuminazione, la revisione degli ambaulacri, degli ipogei e la costruzione di impianti e di un centro di servizi esterno. Il costo dell'operazione, 25 milioni, saranno tutti a carico della Tod's di Della Valle.

L'operazione è stata fortemente voluta dal ministero dei Beni Culturali. Ieri, non a caso, gongolava soddisfatto soprattutto il sottosegretario Francesco Giro che ha parlato di "una grande operazione di mecenatismo culturale che aprirà la strada ad una più ampia partecipazione del privato alla valorizzazione del patrimonio storico ed artistico". Per Alemanno, invece, "si tratta della fine di un incubo". La gara per individuare la ditta contraente è prevista per marzo. L'avvio dei lavori a fine 2011 e la conclusione due anni e mezzo dopo. Tod's, in cambio dell'intervento finanziario, potrà promuovere e pubblicizzare i lavori del Colosseo in abbinamento al logo e ma non ci sarà la classica sponsorizzazione che si vede spesso con la presenza di grandi manifesti che ricoprono i monumenti. Per il restauro del Colosseo lo sponsor sarà limitato su pannelli dell'altezza di due metri sulla parte basamentale dell'anfiteatro.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: