Sole, caldo, nebbia, freddo, neve: Benvenuti sulla meteo giostra di Roma


Come si avvicina il fine settimana, scatta il toto clima. Sono anni ormai che lo ripetiamo, i cambiamenti meteorologici stanno rivoluzionando il mondo intero, e anche le previsioni diventano profezie più o meno fortunate.

Eppure le sorprese non finiscono mai. Soprattutto per la rapidità dei bruschi rovesciamenti dal freddo al caldo, dal secco all'umido e viceversa. Negli ultimi sette giorni, da queste parti abbiamo sperimentato (quasi) tutto.

Domenica mattina i romani si sono svegliati in una mattinata calda e soleggiata, che ha suggerito a molti di loro di farsi una gita al mare. Fregene beach (tanto per citarne una) sembrava via del Corso. I raggi di sole erano in saldo. Gli articoli subito presi d'assalto, i tavoli degli stabilimenti aperti last minute.

Per chi ama il mare d'inverno, uno scenario assurdo, da film catastrofico. Con Luca Cordero di Montezemolo fra i profughi del tavolino al sole, a dare un'idea del valore dell'evento...

Procediamo. La mattina dopo (lunedì e martedì) ci siamo svegliati nella nebbia. The Fog. Roba che a Roma è più rara della neve. Roba che "nun se vedeva er Cupolone"! Spettrale, perfino bella per come ci siamo poco abituati, a meno di non essere su qualche strada che porta a Roma, sebbene sulle principali il traffico a quell'ora sia tale, per cui cambia poco. Resti sempre fermo.




In serata l'umidità ha innaffiato ogni cosa, prendere la macchina sembrava ritirarla all'autolavaggio prima che l'abbiano asciugata. E adesso torna un po' di sole, ma insieme al freddo. Anzi al gelo, dicono, che già un po' punge. Intanto ci si prepara alla neve. Il cielo sembra quello sulle Alpi. Fate il vostro gioco, signori, la roluette sta per girare...



  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: