Gita fuori porta: a Vasanello per “Vola… befana, vola!”

Non si è ancora spenta l’eco delle festività natalizie e quindi anche noi, poveri girandoloni del weekend, dobbiamo adattarci agli appuntamenti fuori porta che ci capitano. Come questa befana di Vasanello, piccolo centro appiccicato a Viterbo, dove, evidentemente, la vecchina passa in ritardo…

Sì, perché qui la festa dell’Epifania si è prolungata fino a oggi con giochi e tombolate per i bambini, la cerimonia di Babbo Natale che lascia spazio alla Befana (alla mia età non ho ancora capito se sono sposati quei due…), degustazioni di dolci tipici, il gioco dell’albero della befana e l’estrazione della lotteria.

L’atmosfera di questo paese è particolarmente piacevole, con la sagoma del castello che troneggia sull’abitato, le tante interessanti chiese con edicole di pregio quali la Madonna della Rondine e la Madonna della Febbre, oltre alla magnifica Madonna con Bambino benedicente, opera della scuola del Perugino e conservata nell’Abbazia della Madonna delle Grazie.

Gli amanti dell’archeologia saranno soddisfatti per i numerosi itinerari a tema che partono da Vasanello, come quello che conduce alla scoperta della secolare arte dei vasi e delle terracotte: in località Poggio della Mentuccia, infatti, si trovano i resti di un’antica fornace aretina su un colle che sale dal Fosso delle tre fontane.

L’antico Castrum Amerinum, posto lungo l’omonima via, invece, si trova a Palazzolo, mentre resti di terme romane, con vasche su due livelli, si possono ammirare alle Pestarole: sepolture antropomorfe e tombe, invece, a Morticelli, nel nome un destino, e addirittura le rovine di un ponte d’epoca etrusca a Valle Gaudenzio.

Ultimo motivo per trattenersi ancora un po’: domenica 9 fa tappa (l’ottava) a Vasanello la XIV Roma Mastercross, gara di bicicletta organizzata dalla Asd Vasanello Bike, che partirà alle 10 in punto da piazza della Repubblica.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail