Ecopass anche a Roma? Ecco come funzionerà

A Roma si sta studiando un ecopass nell'area del cosiddetto ZTL dell'anello ferroviario. Ecco tutti i dettagli presentati dal piano traffico del comune.

Schermata 01-2456688 alle 11.34.33

Non è la prima volta che se ne parla. Già nel 2008 era stato proposto.Lo strumento già utilizzato a Milano per limitare l'accesso delle auto al centro, viene ripreso anche dalla giunta Marino, con l’assessore alla mobilità Guido Improta insieme all’assessore all’ambiente Estella Marino.

Roma come Milano quindi: chi entra nell’anello ferroviario paga, anche se sono allo studio tariffe differenziate, un sistema di premiazione per i mezzi meno inquinanti. Ma il principale ammortizzatore per i residenti a Roma sarà quello di un pacchetto di bonus. L’ipotesi è di un pacchetto di 120 ingressi gratuiti annui per i soli residenti a Roma.

L'uso di tale bonus non determinerà un costo per i cittadini. Chi invece non accetterà di modificare i propri comportamenti e prenderà l'auto dal lunedì al venerdì dovrà pagare. Il plafone di crediti per i residenti sarà utilizzabile nei giorni feriali e nelle fasce prestabilite (non sarà un pass per le ztl).

Ci saranno delle deroghe, ovviamente... Quella per persone disabili ma serviranno due bonus per utilizzare l’auto nelle ore di punta. Ci saranno anche degli extra-bonus, 60 per ciascuna auto, per la distribuzione delle merci, per gli organi costituzionali ed enti pubblici o di rilevanza pubblica. Le auto blu insomma.

Gli extra-bonus saranno per i residenti e per i non residenti o potranno usufruirne alcune categorie, per esempio gli artigiani che hanno il laboratorio all’interno dell’anello ferroviario oppure i medici del Servizio sanitario nazionale, le strutture ricettive, alcune attività terziarie.

La condizione per ottenere gli extrabonus sarà però la disponibilità di un posto macchina. Altre eccezioni sono allo studio per favorire il trasporto di più persone in un’unica auto, car pooling o mobility manager aziendale. L’obiettivo è la riduzione dell’inquinamento atmosferico e la diminuzione dei traffico privato nella città storica, che è una precondizione per aumentare la velocità e l’aumento delle corse del trasporto pubblico.

  • shares
  • Mail