"Città metropolitane", primo passo verso Roma Capitale

Flickr: rucativavaRoma diventa sempre più indipendente? È vero: non è ancora chiaro l'impatto che questa novità avrà sulla nostra città, ma l'introduzione delle cosiddette "Città metropolitane" porterà di sicuro una serie di cambiamenti per il territorio capitolino e quello dei comuni limitrofi.

La legge delega presentata dal Governo italiano prevede un percorso di riorganizzazione delle autonomie degli enti locali, e sancisce - nell'articolo 5 - il "riconoscimento del ruolo di Roma quale Capitale della Repubblica". Viene insomma sancita la nascita di Roma Capitale, a cui vengono attribuiti "poteri speciali in relazione a funzioni specifiche (es. edilizia pubblica e privata, trasporti, mobilità, servizi sociali)".

Una Roma Capitale a cui potrebbero aggiungersi altri Comuni laziali per la creazione della già citata Città Metropolitana, in un meccanismo un po' complesso che prevede la richiesta da parte di un numero di enti locali rappresentanti almeno il 60% della popolazione interessata dal cambiamento.

Lo stesso Veltroni si è dimostrato molto soddisfatto, anche se con misura, definendo questo "un giorno importante per Roma". "Roma potrà finalmente disporre - ha dichiarato il primo cittadino - come in tutti gli ordinamenti stranieri dell'autonomia necessaria per svolgere efficacemente le funzioni di Capitale".

A noi non resta che aspettare la lunga trafila burocratica che fa prevedere lunghi tempi di attuazione (forse superiori ai due/tre anni). Con un solo dubbio: con Roma Capitale le cose miglioreranno, o peggioreranno?

foto | Flickr

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: