ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja al Vittoriano

ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja

Il bramato weekend è finalmente arrivato, ma se il tempo incerto può mettere a rischio passeggiate in città o gite fuori porta, ci sono sempre ‘viaggetti’ tra i tesori di Roma che non temono pioggia e lunghe distanze spazio-temporali.

Magari una bella passeggiata con vista Nella campagna romana di Giorgio Scalco, fino a La torre di Nerone di Vittorio Grassi e anche più in là, tra uno Studio per il fregio del Parlamento di Giulio Aristide Sartorio e le Fette di anguria di Renato Guttuso.

In questo caso basta arrivare al Complesso del Vittoriano, per godere del patrimonio artistico-culturale forgiato dall’Accademia di Belle Arti di Roma, in mostra al Salone Centrale con “ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja”, fino al 21 novembre 2010.

ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja
ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja

La visita gratuita offre un panorama ricco ed eterogeneo del prestigioso patrimonio dell’Accademia, attraverso circa 110 opere realizzate da artisti di spicco e maestri che vi insegnarono.

Grandi maestri come Renato Guttuso, Mino Maccari, Sante Monachesi o Mario Mafai, solo per citarne alcuni, capaci di creare uno scambio proficuo tra la Scuola e le correnti artistiche, tra l’ambiente di studio e gli stimoli e le opportunità che si trovano al di fuori, che è poi quello che in teoria dovrebbe fare ogni scuola degna di chiamarsi tale.

ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja ROMACCADEMIA. Un secolo d’arte da Sartorio a Scialoja

In questa gallery:

Renato Guttuso
Fette di anguria, 1966
Olio su tela, 35 x 55 cm
Archivi Guttuso

Arnoldo Ciarrocchi
L'Amica dai Capelli Rossi
Olio su tela, 54 x 73 cm
Collezione privata

Franco Gentilini
Autoritratto, 1945
Olio su tela, 75x52 cm
Roma, Collezione Luciana Gentilini

Giorgio Scalco
Nella campagna romana, 2007
Olio su tela, 135 x 200 cm
Collezione Giorgio Scalco

Giulio Aristide Sartorio
Studio per il fregio del Parlamento, 1908-1910
Olio su tela, 210 x 175 cm
Collezione Luca D’Ottavi

Mario Ceroli
La scala, 1968
Legno, h. 250 x 170 x 8 cm
Collezione privata

Pietro Canonica
Rimembranze, 1916 circa
Marmo, h. 70 x 40 x 37 cm
Roma, Museo Pietro Canonica
Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma

Toti Scialoja
Speranze perdute, 1955
Olio su tela, 146 x 97 cm
Collezione privata

Vittorio Grassi
La torre di Nerone, 1907
Acquaforte e acquatinta colorata, 18 x 16,6 cm
Latina, "Fondo Vittorio Grassi". Archivio del XX secolo

  • shares
  • +1
  • Mail