Umberto Testa, l'amministratore online risponde ai nostri dubbi condominiali

Condominio, ovvero, guerra. C'è poco da scherzare su questa terribile realtà, che ormai conta perfino vere e proprie vittime nei dati statistici. Proprio per questo ci sembra molto interessante la missione online di Umberto Testa, creatore e curatore del sito amministratoredicondominio.info.

Abbiamo fatto due chiacchiere con lui, che si è dichiarato anche pronto a rispondere alle vostre domande nei commenti. Ci sembra un'ottima iniziativa, che speriamo faccia da esempio, perché il settore lo necessita, e perché la casa, lo sappiamo, è diventata l'ultima certezza degli italiani...

Salve rag. Testa, quando è nato questo sito e perché?

Nel 2006, in quanto io penso che se s'informano le persone si riesce a collaborare meglio e si facilita il lavoro di noi amministratori, anche se ci sono colleghi che si sono adirati, perché pensano il contrario. Io sono dell'idea, in generale, che un popolo per essere libero deve conoscere, così per i condomini. Se istruiti, i condomini divengono liberi di scegliere da chi farsi gestire.

Davvero qualche collega si è adirato? Per quale motivo?

Sospetto che non siano professionalmente validi o non so che dire, in quanto se ci si trova davanti a persone preparate uno si confronta. Altrimenti si hanno problemi seri.


Lei ha evidentemente una buona fiducia nei confronti di Internet

Sicuro, è l'unico posto libero (sempre nel rispetto degli altri) ed inoltre ci si assume le proprie responsabilità.

Eppure Internet in Italia è ancora un luogo carico di scetticismo in certi ambienti, immagino a livello condominiale.

Negli ambienti ove si predilige navigare nel torbido e nella non trasparenza. Certo, le persone che amano la disinformazione vorrebbero imbavagliarlo. Ma spero che ci sia saggezza nella maggioranza delle persone.. Anche nei nostri politici.

Vede, io rispondo ormai in tempi lunghissimi direttamente a tutti, quindi anche ai miei condomini che mi vogliono provare, perciò amo la trasparenza.

Come giudica la situazione attuale condominialmente parlando?

Catastrofica. Per mancanza di professionalità e perché siamo diventati un popolo troppo litigioso. Ad ogni modo, se i nostri amati politici redigessero i codici di attuazione della direttiva europea, ormai da due anni recepita, che sancisce come le associazioni aventi i requisiti detengano l'elenco dei professionisti abilitati ad esercitare, ci sarebbe più professionalità ed un criterio di parcellizzazione più corretto.

E non potrebbe più chiunque esercitare la professione. Mentre oggi anche chi non ha alcun livello culturale può fare l'amministratore di condominio.

Da condomino io le confesso che spesso si ha l'atroce ansia di essere presi in giro...

Se un amministratore ha fatto dei corsi di preparazione alla professione e se ha continuato sia tramite le associazioni sia in proprio, farà di tutto per risolvere i problemi, cercando di spiegare e farsi comprendere da tutti i condomini. Invece molti rimandano, non per mettere nei guai ma per la propria impreparazione, e per sopravvivere...

Ma molte volte anche i condomini, pensano di essere più furbi, prediligendo colui che chiede compensi irrisori. Ossia che lavora e si assume le responsabilità quasi gratuitamente, cosa al giorno d'oggi impossibile.

Veniamo alla realtà dei fatti, ci racconti gli episodi più curiosi da amministratore

Un caso è stato quello di un condomino che si è ingrandito la casa appropriandosi del pianerottolo...Ed insisteva che non doveva per privacy mostrare l'atto di proprietà. O una signora anziana che per amore dei piccioni, gli dava da mangiare e riempiva indirettamente di conseguenza il piccolo giardino condominiale di liquame.

Ha notato un certo aumento esponenziale di affluenza ed uso sul suo sito? Quali sono le domande più comuni?

Molta, le persone e noi tutti abbiamo sete del conoscere, del sapere. Ho messo una parte di faq e motori di ricerca a seconda della materia che s'investe. In particolare chiedono sull'utilizzo delle parti comuni, e sulle ripartizioni delle spese e su chi competono. Ad esempio sul rifacimento dei balconi aggettanti.

E le richieste più assurde?

Se possono costruire sul terrazzo di copertura o sul terrazzo a livello ad uso esclusivo una nuova stanza, o se possono spostare colonne o muri portanti per migliorare la vivibilità della loro unità immobiliare...

Se possono staccarsi dal riscaldamento centralizzato senza contribuire al mantenimento della centrale termica di proprietà comune. Tutte richieste sempre nell'interesse individuale. Di rado si pensa al collettivo.

A quante domande riesce a rispondere al giorno mediamente?

Una decina, sa devo anche pensare a risolvere i problemi dei miei condomini. Io non demando rispondo direttamente e curo io il sito.

E' un bell'onere...

Sopratutto perché gratuito...

Appunto! Quali sono i suoi progetti in futuro circa questa missione?

Spero di avere la forza di resistere e continuare. E che ci sia qualcuno che inizi a chiedermi di metterci la pubblicità, in modo di poter dedicarmi di più al sito, rinunciare a qualche condominio ed essere disponibile a più persone possibili.

Bè, noi di 06 blog le auguriamo la miglior fortuna, ci sembra un progetto molto utile.

Vi ringrazio io e se volete rispondo anche ai vostri lettori.

Ok, quindi se qualcuno ha una domanda per lei, invitiamo il lettore a farla nei commenti, e Umberto Testa provvederà a rispondere.

Sono qui


Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 13 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail
33 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO