"Geneticamente Mortificato" al teatro Parioli

La nostra lettrice Leonessa, inviata speciale al Teatro Parioli, recensisce per voi "Geneticamente Mortificato" di Rodolfo Laganà, in scena fino al 7 gennaio.

Rodolfo Laganà è al Teatro Parioli per tutte le festività natalizie, con un piacevolissimo spettacolo dal titolo "Geneticamente mortificato". Argomento trainante "le mortificazioni", delusioni e sofferenze che ogni essere umano è costretto ad affrontare nel corso della vita. Come accade molto spesso, le situazioni imbarazzanti per alcuni sono divertenti per altri, e su questo Laganà ha costruito una sottile e pungente rappresentazione. Ogni battuta è abilmente impostata per catturare l'attenzione del pubblico, puntuale ed attento il suo modo di gesticolare e di muoversi sul palco.

Durante tutto lo spettacolo una band di eccellenti musicisti, guidati da Stefano Palatresi, ci suona gli ottimi brani di Mario Pappagallo, che Laganà a sua volta interpreta canticchiando brevi frasi su vicende quotidiane tra il serio ed il faceto.
Ciascun telespettatore può riconoscersi in questo o quel passaggio tragico/comico, imprevisti e disavventure al Bancomat, in Banca, a Scuola e in occasione del Natale. La situazione più divertente tra tutte è raccontata ragionando su episodi che possono accadere sull'autobus, o per meglio dire "sull'auto", come dicono i romani, che normalmente faticano a pronunciare le parole per intero.

Non c'è niente di più terapeutico che poter sorridere delle piccole avversità della vita, in un'ora e mezzo di spettacolo si ride mediamente ogni trenta secondi, non ci credete? Provare per credere!
LA FRASE: "Siamo quelli che siamo e restiamo così!

  • shares
  • +1
  • Mail