Influenza A H1N1: dubbi e aggiornamenti

Syringe_flickr_Andres Rueda

Dall’ultimo bollettino del Policlinico Umberto I di Roma i pazienti ricoverati per infezione AH1N1 accertata o in attesa di accertamento sono in aumento, con una costante maggioranza di casi pediatrici. 24 i casi accertati tra16 pazienti Pediatrici e 8 adulti, contro i 10 casi in attesa di accertamento. Tra 6 pazienti pediatrici e a adulti.

Ora che sappiamo che anche un bacio può essere letale ma norme igieniche elementari come lavarsi le mani possono tenere lontano un virus pericoloso quanto altri, i colleghi di Benessereblog consigliano anche un gel igienizzante fai-da-te per le mani, molti all’inizio tranquilli cominciano ad avere dei dubbi.

L’OMS assicura che per una protezione adeguata nei confronti del virus è sufficiente una singola dose di vaccino, che assicura una copertura di 10 anni e potrà essere somministrata contemporaneamente a quella dell’influenza stagionale, in arrivo in questo mese.

Ma i dubbi che già serpeggiavano attorno al virus tornato alla ribalta da quando il Codacons ha presentato una diffida al Ministero della Salute e all’Aifa, chiedendo le prove sull’innocuità del vaccino per l’influenza A H1N1.

Il vaccino non è obbligatorio ma consigliato anche per chi non è a rischio, oltretutto sarà presto disponibile in quantità esagerate. Il dilemma ora è arduo, anche volendo delegare la decisione all’esito della diffida del Codacons. Vaccinarsi o affidarsi a qualcosa di più aleatorio come la fortuna?

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: