In bicicletta a Roma per ricordare Eva e tutte le donne

ombra_bicicletta_selciato

Andare in bicicletta a Roma è pericoloso ovunque, perché mancano piste ciclabili adeguate e spesso il rispetto delle più elementari regole sulla circolazione in città.

Questo non scoraggia i bicibikers romani, ma li rende più sensibili ad incidenti come quello accorso ad Eva, la ragazza in bicicletta investita da un taxi la notte tra il 29 e il 30 ottobre, su via dei Fori Imperiali.

Per quanto la vicenda tocchi tutti, molti ciclisti romani sono tornati sul luogo in corteo con fiaccole e biciclette colorate e molti altri si incontreranno domani, domenica 8 novembre, per promuovere le due ruote ecologiche nella capitale e pedalare insieme percorrendo quei luoghi che hanno visto protagoniste tante donne.

L'appuntamento è alle 9,30 alla stazione metro Circo Massimo, dove la domenica e i festivi si puo' trasportare la bici sui vagoni di testa della metro B. Al termine della ciclopedalata organizzata dell'associazione sherwood/biciebike, alle 11,30/12 è prevista una sosta ai Fori Imperiali in ricordo della vita spezzata di EVA, nella speranza che in futuro cose del genere non accadano più e la capitale, come ha fatto per secoli, cambi adeguandosi alle esigenze di chi la vive e attraversa.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: