A settembre una grande fiaccolata contro omofobia e razzismo con Zingaretti, Alemanno e Marrazzo


Una grande fiaccolata, alla presenza del sindaco di Roma Gianni Alemanno, del presidente della Provincia Nicola Zingaretti e di quello della regione Piero Marrazzo, per dire basta ad ogni forma di razzismo, di intolleranza, di xenofobia e di omofobia.

La proposta della fiaccolata è di Zingaretti. Resa nota oggi sulle pagine di Repubblica l'idea ha, nel corso della giornata, accolto l'adesione di Marrazzo e di Alemanno. Dopo il pestaggio dei due ragazzi gay aggrediti fuori dal Gay Village, solo gli ultimi di una lunga serie, e dopo l'incendio doloso al Qube, storico locale delle serate omosex del Muccassassina, le istituzioni romane si uniranno insieme, ne siamo certi, a migliaia di cittadini, per una fiaccolata contro omofobia e razzismo la cui data non è ancora stata resa nota ma che si terrà a settembre.

Alla manifestazione parteciperanno anche il cardinale vicario di Roma, il rabbino capo, l'imam della moschea, le associazioni dei gay, degli immigrati, i sindacati e tutta la società civile. Seguono le dichiarazioni di Zingaretti, Marrazzo ed Alemanno.

Foto: associazione culturale Virgilio

Zingaretti: "C'è uno strettissimo legame tra l'intolleranza verso gli extracomunitari e gli attacchi di questi giorni alla comunità gay. Propongo una grande fiaccolata contro ogni forma di razzismo, di intolleranza, di xenofobia e di omofobia. Una manifestazione in cui si ritrovino insieme il Comune, la Provincia, la Regione, il cardinale vicario di Roma, il rabbino capo, l'imam della moschea, le associazioni dei gay, degli immigrati, i sindacati e tutta la società civile per chiarire che chi colpisce il diverso colpisce anche noi. Penso a questa manifestazione come a un segno importante di una rivolta culturale e morale della città, come a una tappa da cui ripartire per rilanciare i diritti inalienabili della persona, base della convivenza civile. Perchè il problema non è solo giudiziario e di ordine pubblico. Le telecamere - ha continuato Zingaretti - possono anche servire, ma la vera battaglia è culturale. Nell'ultimo anno e mezzo abbiamo avuto militari, ronde, pattuglie ma la situazione non è migliorata. Bisogna negare i finanziamenti a gruppi che ancora non hanno acquisito il valore della diversità e sostenere invece la rete associativa del territorio, potente deterrente alla discriminazione. Altrimenti avremo una città sempre più violenta".

Marrazzo: "Aderisco con convinzione alla fiaccolata contro ogni forma di razzismo e di intolleranza proposta dal Presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti. Ci sono diritti e principi che, se messi in discussione, rischiano di colpire le basi della convivenza civile e democratica di una collettività. Credo che quanto accaduto in questi mesi e in questi ultimi giorni a Roma, non solo alla comunità gay, richieda un segnale univoco: a chi si illude di poter tornare a propagandare ributtanti ideologie razziste e prevaricatrici ribadiamo tutti insieme che nella nostra società non esistono discriminazioni politiche, sessuali o religiose. La politica deve fare la sua parte, garantendo l’uguaglianza di tutti i cittadini, a partire dall’approvazione della legge Concia che colpisce l’omofobia. Occorre però che l’intera città, insieme alle istituzioni, faccia sentire la propria voce e dia una risposta inequivocabile a chi semina odio".

Alemanno: "Noi vogliamo lanciare a Roma una grande fiaccolata che possa essere una reazione della città rispetto alle forme di intolleranza e violenza che ci sono state in questi giorni e, come ha proposto Zingaretti stamani, una reazione culturale rispetto alla realtà dell'intolleranza e della violenza. Realtà su cui non vanno costruiti teoremi ideologici e su cui la differenza tra destra e sinistra non è il maggiore o minori rifiuto dell'intolleranza, che è di tutti indistintamente. Fare questa mobilitazione cittadina che coinvolga tutti e dica con chiarezza che chi pratica discriminazioni e intolleranza generando violenza è fuori dalla comunità cittadina, penso sia un gesto molto importante da fare subito".

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: