L'infiorata di Piazza San Pietro per festeggiare i SS. Pietro e Paolo

La storica Infiorata riporta petali, quadri e tradizioni della Roma Barocca di fronte alla Basilica di San Pietro, per celebrale i Santi Pietro e Paolo, anticipando profumi e colori del V Congresso Internazionale delle Arti Effimere.

Infiorata Roma


Fonti storiche fanno risalire al 29 giugno 1625, e al responsabile della Floreria Vaticana, Benedetto Drei, l'arte di decorare quadri di petali per la Festa dei Santi patroni di Roma. Una pratica ereditata dal successore, quel Gian Lorenzo Bernini che la divulgò ben oltre i confini della capitale, a partire dai Castelli Romani, dove pur con qualche pausa si è protratta fino ad oggi, non solo a Genzano.

Una tradizione che a Roma è scomparsa alla fine del secolo XVII, per tornarci dopo quasi quattrocento anni con la Pro Loco di Roma, in collaborazione con i maestri infioratori di Infioritalia, pronti a stendere un tappeto multicolore in Piazza Pio XII, per i festeggiamenti dei patroni di sabato 29 giugno 2013.

25 mq di cristalli di sale colorato per rappresentare la Cappella Sistina, altri 25 mq di segatura colorata per restituire le fattezze terrene di SS. Pietro e Paolo a base di 100 mq di fiori freschi e secchi, per un quadro ispirato a Papa Francesco e a San Francesco d’Assisi, inizieranno a tappezzare Piazza Pio XII, dalla sera di venerdì 28 giugno.

Dal presente al passato, 2 stand allestiti in piazza, ospiteranno una Mostra Fotografica dedicata alla “Storia dell’Infiorata, dalle origini ai giorni nostri” ed al “V Congresso Internazionale delle Arti Effimere”, che avrà luogo a Roma dal 27 al 29 giugno 2014, dopo i precedenti svolti per tre volte in Spagna, in Messico e in Huamantia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail