Atac Roma - sciopero, incidente, cellulare su metro B e sponsor per le stazioni

Un viaggio on the road con l'Atac delle meraviglie, tra scioperi, citazioni in giudizio, tristi incidenti, estensioni della coperture di rete della Linea B del Metro, e stazioni con gli sponsor, aspettando che qualcosa cambi, non necessariamente il nome della Stazione Termini sponsorizzata da Vodafone.

L'Atac delle meravilgie dell'estate romana non è solo lunghe attese, viaggi senza aria condizionata, corse ridotte, e scioperi, il prossimo lunedì 24, per propiziare un buon inizio di settimana on the road.

La metro C resta in cantiere, almeno fin quando ci sono i finanziamenti. Per i continui guasti, ritardi, disservizi sul nuovo tratto della Metro B1, Atac ha citato in giudizio Roma Metropolitane con una richiesta di risarcimento per il "danno di immagine".

La linea B ha appena avviato la copertura GSM (CSM e UMTS/HSPA ) sperimentale tra le stazioni di Rebibbia e Bologna (Rebibbia, Ponte Mammolo, S. Maria del Soccorso, Pietralata, Monti Tiburtini, Quintiliani, Tiburtina e Bologna), dopo aver completato quella della linea A della metropolitana (Battistini – Anagnina), iniziata nel 2011.

La copertura del tratto Bologna – Laurentina (Policlinico, Castro Pretorio, Termini, Cavour, Colosseo, Circo Massimo e Piramide) prevista per la fine di ottobre 2013, mentre sono in fase di elaborazione i progetti per estenderla nelle stazioni di San Giovanni (linea A), Termini e Colosseo (linea B), entro dicembre 2013". alemo stando alla nota di Atac.

Una notizia che arriva insieme a quella dell'uomo morto sulle rotaie, investito da un treno della metro B alla fermata Circo Massimo, dall'identità e le dinamiche dell'incidente (suicidio o altro) in fase di indagini della Polizia, mentre la metropolitana si è fermata tra S.Paolo-C.Pretorio.

Una delle tante cause di ritardi e disservizi che colpiscono quotidianamente un'azienda da tempo al centro di scandacci, parentopoli e problemi economici, quindi da figlia della società mercificata che sponsorizza qualsiasi cosà, Atac ha pensato bene di adottare qualche sponsor per risanare i conti, con un progetto pronto a cambiare nome e volto delle stazioni della metropolitana.

La Stazione Termini potrebbe presto inaugurare l'operazione di rebranding, annunciata per la prima volta a gennaio dall'amministratore delegato di Atac Roberto Diacetti, e a quanto pare giunta a buon punto con uno sponsor come la compagnia telefonica Vodafone, che aspira a replicare il colpaccio messo a segno a Madrid, dove la fermata Puerta del Sol, in quella piazza-simbolo degli indignados, è diventata “Vodafone Sol”.

Tra sponsor e iniziative, non ci resta quindi che aspettare che il sindaco Marino faccia un giretto anche sulla metro, magari in bicicletta, e rianimando qualche speranza in quanti chiedono di poter portare le biciclette in metropolitana tutti i giorni della settimana.

Questo, mentre aspettiamo anche che il nuovo sindaco Marino affidi la poltrona dei trasporti in giunta, e faccia un bel discorsetto ad Atac, sull'orlo del fallimento, e pronta a tagliare stipendi e posti di lavoro, speriamo a quei dirigenti che costano uno sproposito, per fare un evidente 'pessimo' lavoro. Questa almeno è la speranza di chi lo ha votato, e si aspetta di non essere deluso.

Via | Facebook

  • shares
  • +1
  • Mail