Strade pericolose: maglia nera a Roma. In pole position schianti con microcar.

morte

Ha preso il via ieri la Giornata regionale per la sicurezza stradale. Un evento destinato a stupirvi, con quella scia di sangue lasciata sulle strade romane dal record di incidenti che detiene Roma. Ma anche un evento capace di cotonare il normale trascorrere del tempo, visto che "la giornata" promossa sarà lunga 384 ore, dato che la manifestazione durerà dal 9 al 24 maggio. Così questa mattina mi sono messa in cerca dei due truck attrezzati con simulatori di guida sicura per le due e le quattro ruote: ma non ne ho vista l'ombra. Eppure qualcuno li avrà avvistati nel Lazio (o no?). Fatto sta che ieri l'Ania ha diffuso una nota, che assegna la maglia nera delle strade-killer a Roma:

“... solo nel 2007, delle 5.131 vittime della strada registrate in Italia, ben 527 sono riconducibili a incidenti avvenuti sulle strade del Lazio. Il Lazio, inoltre, risulta essere al secondo posto tra le Regioni italiane con il maggior numero di incidenti, 29.761, e di feriti, 41.431. Mentre tra le province della Regione, quella di Roma detiene il maggior numero di morti tra tutte le province italiane con 344 vittime di incidente stradale".

Secondo fonte Istat (2008), Roma è tallonata da Latina (69), Viterbo (47), Frosinone (46) e Rieti (21). Con un record di pericolosità per le vie extraurbane (con un rischio di mortalità 6 volte superiore a quello sulle strade urbane per ogni 100 incidenti). Gli schianti poi sono all'ordine del giorno sulla Nettunense (ormai in poll pole position da anni) e sulla Pontina, giudicata la seconda strada più pericolosa su scala nazionale. Per non parlare delle microcar romane che hanno il tasso di incidentalità più alto d'Italia: 15 su 100 contro una media italica di 7 microcar assicurate ogni 100.

Foto | Flickr.com

  • shares
  • +1
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: