Ignazio Marino è il nuovo sindaco di Roma

Le Elezioni comunali 2013 di Roma sono concluse, con l’affluenza al turno del ballottaggio ferma al 57,69%, e un calo di 12 punti rispetto al primo turno al 69,28%. Con Ignazio Marino al 63,93% e Gianni Alemanno al 36,07%, Ignazio Marino è il nuovo sindaco di Roma!.

Ignazio Marino è il nuovo sindaco di Roma!!!

L'affluenza alle urne nel primo giorno di ballottaggio è stata più bassa rispetto al primo turno: 32,47% contro 38,29%. Restiamo in attesa del dato definitivo e poi seguiremo lo spoglio dai comitati elettorali di Alemanno e Marino.

Anche oggi le cose non sembrano migliori, almeno a giudicare dalla mia scorribanda alle urne, che non si possono fotografare, ma lo scatto dell'entrata deserta della scuola dove sono appena andata a votare, rende bene l'idea dell'affluenza.

La diretta generale dello scrutinio con tutti i numeri, minuto per minuto, è su Polisblog.

Abbiamo il dato definitivo dell’affluenza al turno del ballottaggio, ferma al 57,69%, con un calo di 12 punti rispetto al primo turno, arrivato a 69,28%.

Finito lo spoglio, Ignazio Marino è al 63,93%, Gianni Alemanno al 36,07%.Tutti i 15 municipi sono andati al centrosinistra, a presto per la nuova assemblea capitolina.

Il primo turno


Dopo i risultati del primo turno delle Elezioni comunali 2013 di Roma, e il massiccio astensionismo che portato alle urne solo il 52,8% degli aventi diritto, con un calo di 21 punti rispetto alle elezioni precedenti, attestando gli aspiranti sindaci Ignazio Marino al 42,68%, Gianni Alemanno al 30,25%, Marcello De Vito al 12,42% e Alfio Marchini al 9,43%, le elezioni romane si decideranno al ballottaggio del 9 e 10 giugno 2013.

Orari

Si torna alle urne domenica 9 giugno, dalle ore 8.00 alle ore 22.00, e lunedì 10 giugno, dalle ore 7.00 alle ore 15.00, con le operazioni di scrutinio che iniziano lunedì al termine delle votazioni e dell’accertamento del numero dei votanti.

Come si vota

A differenza del primo turno, per il ballottaggio ogni cittadino avrà una sola scheda che riporta i nominativi dei 2 candidati a Sindaco, Ignazio Marino e Gianni (Giovanni) Alemanno, con sotto i simboli dei rispettivi partiti che li sostengono.

Per non invalidare la scheda bisogna barrare solamente il nome in stampatello del candidato sindaco, senza apporre alcuna preferenza.

Agevolazioni per chi viaggia

In vista delle elezioni amministrative il ministero dell’Interno rende note le principali condizioni relative alle agevolazioni di viaggio che saranno applicate dagli enti e società competenti, a favore degli elettori che si recheranno a votare presso il proprio comune di iscrizione elettorale.
1. Agevolazioni aeree
E’ prevista per gli elettori un’agevolazione di viaggio, nella misura del 40%, per l’acquisto del biglietto aereo di andata e ritorno alla sede elettorale di iscrizione, per i viaggi aerei effettuati sul territorio nazionale. L’importo massimo rimborsabile non può essere superiore a 40 euro per il viaggio di andata e ritorno per ogni elettore. A questa iniziativa ha aderito esclusivamente la società Alitalia che applicherà le agevolazioni esclusivamente ai biglietti rilasciati per viaggi di andata e ritorno.
2. Agevolazioni per i viaggi ferroviari
La Società Trenitalia S.p.A. e la Società “Nuovo Trasporto Viaggiatori S.p.A.” (N.T.V.) hanno stabilito alcune agevolazioni, applicabili ai viaggi degli elettori residenti in Italia ed ai viaggi degli elettori residenti all’estero, che prevedono la riduzione del prezzo del biglietto fino al 70%.
3. Agevolazioni autostradali
Le Concessionarie autostradali aderiranno alla richiesta di gratuità del pedaggio, sia all’andata che al ritorno, per i soli elettori residenti all’estero, su tutta la rete nazionale.
4. Agevolazioni per i viaggi via mare
Le società di navigazione “Compagnia Italiana di Navigazione” e “Compagnia delle Isole” applicheranno, nell’ambito del territorio nazionale, le consuete agevolazioni a favore degli elettori residenti in Italia e di quelli provenienti dall’estero che dovranno raggiungere il comune nelle cui liste elettorali sono iscritti, per poter esercitare il diritto di voto.
Per tali elettori verrà applicata la riduzione del 60% sulla “tariffa ordinaria”.
Le condizioni previste per usufruire di tutte le agevolazioni sopraelencate sono consultabili sul sito www.interno.gov.it, dove sono state pubblicate le relative circolari della Direzione Centrale dei Servizi elettorali del ministero dell’Interno.

I candidati

L'esito del primo turno vede il sindaco in carica Alemanno, candidato di centrodestra al secondo mandato, in posizione sfavorevole rispetto al candidato di centrosinistra Marino, che forte della rimonta al ballottaggio di cinque anni afferma che

"La partita è ancora aperta, ora ci rivolgeremo a tutti quelli che non ci hanno votato, senza preclusioni. Il ballottaggio è una partita completamente diversa".

La presenza del Movimento 5 Stelle e la lista civica Marchini, potrebbe però ancora sottrarre qualche voto ai due sfidanti, mentre il candidato Pd ha già tenuto ad evidenziato i punti di convergenza con il programma di De Vito

"Porteremo avanti molti dei loro temi, spero che gli elettori capiscano che li sentiamo come nostri"

.
In vista del ballottaggio è altrettanto chiara la posizione del candidato Alfio Marchini

"Io non farò il vice di nessuno. Questo 10% di elettori aspetta la nostra coerenza. Valuteremo con grande laicità e attenzione i programmi e il merito. Al ballottaggio manca molto ci sono 15 giorni. Saremo inflessibili nel tenere la barra dritta sui valori della campagna elettorale: il nostro impianto etico è chiaro"

Per la Giunta Comunale, il nuovo DDL prevede che sarà il sindaco di Roma a nominare la giunta, sempre nel rispetto del principio di pari opportunità tra le donne e gli uomini, garantendo la presenza di entrambi i sessi.

Comunque vada il ballottaggio, l'assemblea capitolina ne uscirà completamente ridisegnata. I consiglieri passeranno da 60 a 48 e chi uscirà vincitore dalle urne, grazie al premio di maggioranza, conquisterà 29 seggi (il 60%), ripartiti proporzionalmente, secondo il metodo d'Hondt, fra le liste a sostegno del nuovo sindaco che hanno superato la soglia del 3,2%. All'opposizione ne andranno, invece, 19 (il 40%), ripartiti secondo lo stesso meccanismo.

Ballottaggio Municipi

Ovviamente la cosa si ripete anche nei Municipi di Roma Capitale, dove soltanto nel XII municipio (ex XVI) il neo minisindaco Cristina Maltese è stata eletta al primo turno con 30.903 voti pari al 50.17%, mentre gli altri 14 andranno al ballottaggio, con Sveva Belviso e le sue 6.194 preferenze, e Estella Marino con 5.718 voti, tra i preferiti insieme a Tredicine, Bordoni, Coratti e Masini.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail