Rifiuti, il piano della Provincia di Roma: differenziata al 51% entro il 2011

Raccolta differenziata al 51% nella provincia di Roma entro il 2011 e al 35% entro il 2009. Porta a porta esteso in tutto il territorio della provincia. 58 milioni di investimenti. In attesa che la regione Lazio renderà nota la versione finale del piano dei rifiuti, succederà domani al Consiglio regionale e si sa già che si va verso quattro gassificatori con otto linee e 50% di differenziata al 2012, è la provincia di Roma a muoversi per prima sul fronte caldo della lotta ai rifiuti urbani.

La giunta guidata da Nicola Zingaretti, dunque, punta tutto sulla riduzione della quantità di spazzatura destinata alle discariche o agli impianti di termovalorizzazione attraverso il potenziamento della raccolta porta a porta. L'obiettivo del piano provinciale, presentato questo week end, è ambizioso se si pensa che oggi la differenziata raccolta nel solo comune di Roma è di circa il 20%. Il piano provinciale, inoltre, prevede anche la riduzione della produzione totale di rifiuti del 5% entro il 2015.

Ora vediamo quali saranno le mosse della regione, ente al quale spetta la competenza unica in materia di impiantistica (per il trattamento dell'umido e del multimateriale), di discariche e di termovalorizzatori. Ed aspettiamo, già che ci siamo, anche cosa farà il comune di Roma e la giunta Alemanno. E' infatti dell'Ama, e quindi del comune, il più gravoso dei compiti: estendere in tutta Roma quel porta a porta fortemente voluto da Zingaretti ma anche dal neo assessore all'Ambiente De Lillo e per ora applicato dalla giunta Veltroni solo in tre quartieri romani. Domani notizie sul piano rifiuti regionale.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: