Ahmadinejad a Roma per il vertice Fao - Proteste e traffico in città

Traffico completamente in tilt, ambasciate e consolati (soprattutto le strutture iraniane e americane) presidiate da decine di mezzi di Polizia e Carabinieri. E diverse proteste in città per l'arrivo di uno degli ospiti del vertice Fao, il presidente iraniano Ahmadinejad.

E' con queste premesse che è iniziato questa mattina il vertice della Fao 2008, organizzazto come al solito nello storico palazzo dell'agenzia internazionale al Circo Massimo. Tanti i capi di Stato e Governo invitati, da Sarkozy a Zapatero, fino a Lula, Mubarak e Mugabe. Chiaro, però, che il personaggio più atteso è proprio il presidente iraniano Mahoumud Ahmadinejad, presentatosi questa mattina con una frase di simpatia per il popolo italiano: "Nel nome di Dio, voglio tanto bene al popolo italiano, che è così ricco di civiltà e storia".

Contro il presidente iraniano, in realtà, sono in corso diverse proteste: un gruppo di giovani della comunità ebraica ha lanciato volantini al Colosseo con il volto del presidente iraniano dentro il cartello di divieto di entrata. Diversi striscioni sono stati poi esposti in diverse parti della città con messaggi tipo "Il dittatore terrorista Ahmadinejad fuori da Roma". Un corteo ha sfilato dal Portico d'Ottavia verso la zona rossa intorno alla Fao. In serata al Campidoglio, infine, sit in di protesta organizzato dal quotidiano "Il Riformista". La giornata romana del capo dello stato iraniano continuerà comunque fino alla nottata di oggi con incontri politici e con aziende italiane in zona Monte Mario. Zone da evitare causa traffico: Colosseo, Piramide, Testaccio, Ostiense ed in serata Prati, Balduina, Monte Mario e zona villa Borghese.

  • shares
  • Mail
17 commenti Aggiorna
Ordina: