Totti fa gli auguri a Rutelli, Berlusconi gli da del matto

"Totti appogia Rutelli? Quando uno non ci sta con la testa non ci sta. Avrà tutti contro...". Nell'ultimo giorno di campagna elettorale tiene banco su tutti i giornali la polemica scatenata ieri da Berlusconi al termine del comizio elettorale con Alemanno e Fini al Colosseo con il quale si è chiusa la campagna del Pdl.

Tutto nasce da "Gli auguri" che il capitano della Roma avrebbe fatto a Rutelli e da un manifesto del candidato sindaco del Centro-Sinistra in cui si vede l'immmagine di Totti. Per la verità prima della seccata replica del Cavaliere nessuno o quasi se ne era accorto mentre oggi, dopo le parole di Berlusconi, la cosa è diventata di dominio pubblico. Ad ogni modo Berlusconi non ci pensa neanche un attimo e al cronista che gli chiedeva di commentare questa vicenda, così mi hanno raccontato, il Cavaliere sbotta con queste parole: "Quando uno non ci sta con la testa non ci sta... E' un bel furbo Totti. Ora avrà l'antipatia di tutti".

Non passano neanche cinque minuti e si scatenano le controrepliche. Non del povero Totti, che tirato in mezzo ad una polemica assurda vede bene di non replicare, ma di altri romani. Rutelli ovviamente chiede al Cavaliere di "chiedere scusa a Totti". "Stavolta Berlusconi - dice Ruteli - è da cartellino rosso". La replica più divertente è però quella del grande Gigi Proietti: "Silvio Berlusconi ha messo Totti sullo stesso piano dei magistrati per i quali aveva chiesto l'esame di salute mentale. Tra poco costringerà tutti gli italiani a fare i test attitudinali".

Per altre informazioni e repliche vedi Corriere.it o Repubblica.it

  • shares
  • Mail
28 commenti Aggiorna
Ordina: