Solal: oltre il Gotan Project

Non sono pochi i fan del Gotan Project, riuscito esperimento musicale sospeso tra new tango ed elettronica. E quindi saranno in molti stasera a gradire il concerto di Solal (una delle anime del Gotan) che si esibirà al Circolo degli Artisti nella sua unica data italiana.

A dire il vero gli aficionados potrebbero rimanere spiazzati, dato che di tango c'è poco (anzi nulla) nel nuovo disco di Solal, che si spinge piuttosto verso territori blues, country e bluegrass. The Moonshine Session, questo il titolo dell'album, è un taglio netto verso l'attitudine del primo successo, ma è un tentativo necessario per non impantanarsi in uno stereotipo dai contorni troppo definiti.

Gli amanti duri e puri del blues non impazziranno per la produzione pulita e poco "grass" (riceverà più o meno le stesse critiche che i "tangheri" rivolsero al Gotan Project), ma non è da Solal che possiamo pretendere un recupero filologico dello spirito del Delta o di Nashville.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: