Il verde della Capitale

Roma è la seconda città europa per spazi verdi, al primo posto Oslo. Tuttavia in alcune zone cemento e asfalto la fanno da padroni, con il 90 per cento della superficie occupata da edifici e strade. Uno studio del CNR, pubblicato nei prossimi giorni, fa il punto della situazione nella Capitale prendendo ad esempio alcuni quartieri storici in cui l'edificato è tale che i correttivi possono essere soltanto minimi (vale a dire, aiuole al posto di marciapiedi).

Riprese realizzate da 2000 metri d'altezza hanno rivelato che lungo la Gianicolense il 58,36% della superficie è composto da edificato e strade. Beffa toponomastica, siamo in zona Monteverde. Peggio nel triangolo Prati (!), Mazzini e Trionfale. Qui i palazzi occupano il 47,59 per cento mentre le strade si prendono il 28,76, con picchi di superficie impermeabile dell'85,78 nella zona intorno a piazza dei Quiriti; e il verde superstite occupa il 4,4 per cento sostenuto da un buon 16,26 per cento di alberi. Poco sopra al virtuoso limite massimo del 50 per cento di superfici impermeabili è la zona Trastevere, e Cavalleggeri. E sotto, al 49 per cento, il quartiere Trullo-Magliana.

  • shares
  • +1
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: