Roma, nomine in Comune: Virginia Raggi rinviata a giudizio

virginia-raggi.jpg

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio del sindaco di Roma, Virginia Raggi, con l’accusa di falso nell’ambito dell’inchiesta sul cosiddetto “pacchetto nomine”, nel quale il sindaco pentastellato ha nominato Renato Marra, fratello di Raffaele, alla direzione Turismo del Campidoglio. Relativamente alle accuse di abuso d'ufficio invece la Procura ha chiesto l'archiviazione: secondo quanto riporta Il Fatto Quotidiano l’abuso d’ufficio riguardava la promozione di Salvatore Romeo a capo della segreteria politica.

Il reato di falso non sarebbe stato "commesso per eseguire o occultare un altro reato" hanno specificato i magistrati riferendosi all'abuso d'ufficio ma, secondo quanto riferiscono le agenzie stampa, Raggi avrebbe mentito all’Anticorruzione del Comune di Roma, con lo scopo di creare un vantaggio a Renato Marra - fratello del suo ex braccio destro Raffaele - facendolo assumere al comparto Turismo del Campidoglio.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 14 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO