Alla Sala Santa Rita la mostra "30 Metri. Auto Bio Grafia"

Prende il via oggi, alla Sala Santa Rita, l'installazione "30 Metri. Auto·Bio·Grafia".

Si tratta di un progetto artistico nato nell'ambito di un'attività di inclusione scolastica. La mostra vede l'opera di Petar Pitocco, studente classe '96, al 5° anno del Liceo Artistico G. C. Argan di Roma.

L'opera: "Un fiume di parole su un rotolo di carta lungo 30 metri attraversa la Sala, frammenti di vita quotidiana scritti a scuola, con ricorrenza settimanale nell'arco di un anno, da Petar, uno studente diversamente abile".

Petar è stato guidato da due insegnanti del Liceo: Maria Teodolinda Saturno e Ciro Dimita, che è anche curatore dell'installazione.

La scrittura autobiografica approda a una condivisione allargata: questo il senso dell'opera, che vuole superare barriere fisiche (le pareti dell'aula) e temporali, per poter raggiungere chiunque.

"Avevamo già collaborato al progetto sull’identità “This is me” - dice il professor Dimita - in cui avevo volutamente coinvolto quattro studenti diversamente abili, i cui autoritratti grafico-pittorici sono stati esposti in una mostra che ho curato negli spazi dell’ex-cartiera Latina. Il riscontro ci aveva entusiasmato, per la prima volta i compagni avevano riconosciuto in loro dei potenziali artisti. Così abbiamo pensato di proseguire insieme il percorso sul racconto del sé".

La mostra, ad ingresso gratuito, è prende il via oggi ed è aperta tutti i giorni fino al 21 marzo dalle 16 alle 19. Orario esteso sabato e domenica: dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 19.

A promuovere l'installazione è l'Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale in collaborazione con Zètema Progetto Cultura. La Sala Santa Rita è a via Montanara, nei presso di piazza Campitelli.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO