Fuksas sulla Nuvola: "Mai più progetti a Roma"

A pochi giorni dall'inaugurazione de "La Nuvola", il nuovo Centro congressi di Roma, all'Eur, dopo otto anni di lavori, è lo stesso architetto Massimiliano Fuksas a presentarla alla stampa e a dare i costi del progetto, per mettere a tacere chi ha parlato di cifre levitate nel tempo:

"Nel 2007 la base d'asta era 275 milioni, nel 2016 sempre di costruzione è 239 [...] Se non si utilizza nei prossimi due anni l'edificio degrada e ci vorranno altrettanto soldi per recuperarlo. [...] L'Eur è un quartiere di Roma, dovrebbe essere riportato alla città. Deve finire questa storia di un ente o una spa o un commissario che gestisce un pezzo di città. I musei dovrebbero essere gestiti da chi sa gestire i musei, gli uffici da dei proprietari di uffici. Assurdo che ci siano 149 persone per gestire 500 milioni di immobili""

Un'opera che sembrava non dover mai vedere la luce e che l'archistar spera possa essere utilizzata subito per quello per cui è stata pensata: un sito congressuale capace di ospitare 8000 persone, su tre livelli. Anche se il tono è piuttosto polemico:

"Roma non ha mai funzionato, credo che si abbia un'idea sbagliata del passato come se fosse il luogo migliore della nostra immaginazione. Il passato è stato sempre un disastro"

Insomma, nessun altro progetto per lui a Roma: troppi 18 anni di attesa per la sua Nuvola.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 64 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO