'Via Stefano Cucchi' a Roma, Giovanardi: "Perché dedicare una strada ad uno spacciatore?"

Carlo Giovanardi

parla ancora una volta del caso Stefano Cucchi. Intervistato da Repubblica, il senatore commenta di nuovo la scelta del consiglio comunale di Roma di dedicare una strada al giovane rimasto ucciso durante la custodia cautelare. Parole che fanno riscoppiare la polemica:

"Se a qualcuno la verità non va bene, e il consiglio comunale di Roma vuole intitolare una strada a Cucchi come benemerito dell'Italia... lui che ha rovinato la sua vita. Io dedico una strada ad uno spacciatore, perché?"

La mozione per intitolare una strada o piazza a "Stefano Cucchi, ragazzo", presentata dal capogruppo Sel Gianluca Peciola, è stata approvata ad ottobre. Così Peciola motivava l'iniziativa:

"Stefano Cucchi è morto per evidenti responsabilità istituzionali durante la custodia cautelare conseguente al fermo di polizia. L'intitolazione di una via è un riconoscimento alle battaglie della famiglia per la verità e la giustizia. Quello che gli è accaduto non deve succedere mai più".

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 895 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO