Spazzatrici Ama per Roma: nuove, personalizzate, 'sfrenate', in buca a Balduina

Roma si dota di 100 spazzatrice Ama per pulire la strada, nuove e personalizzate, ma la prima 'sfrenata' finisce subito in buca a Balduina

Aspettando che l'agognata raccolta differenziata della città raggiunga tutti i Municipi e standard accettabili, il decoro di una città cartolina come Roma, torna protagonista del nuovo progetto predisposto da Ama in collaborazione con il Campidoglio e con l'assessorato all'Ambiente, insieme a 100 spazzatrici nuove nuove, personalizzate, ma a quanto pare anche un po' sfrenate.

100 spazzatrici di quartiere promesse dallo scorso gennaio e ora pronte ad entrare in funzione sette giorni su sette, lungo i 3110 chilometri di strade dei 15 municipi di Roma, per pulire 100 aree, seguendo 533 itinerari prestabiliti, con una frequenza di 1-2 volte a settimana.

6 o 7 spazzatrici in più per ogni Municipio, dotate di pannello con l'indicazione del quartiere presidiato e delle iniziali dei due operatori che ne sono responsabili, in modo da rendere più facile l'identificazione del mezzo per ogni eventuale segnalazione da indirizzare al numero verde aziendale 800867035, a disposizione dei cittadini che notano stranezze o inadempienze.

Peccato solo che l'esordio dei nuovi mezzi sia stato a dir poco "sfrenato", mandando subito dentro la buca di un cantiere scavato in via Duccio Galimberti, quella assegnata alla pulitura delle strade della Balduina.

screenshot Roma fa schifo

Per i testimoni mattinieri della zona, come quello che ha mandato questo scatto a Roma fa schifo, intorno alle 6.10, il probabile mancato funzionamento del freno a mano del mezzo, lo avrebbe spinto ad attraversare la sede stradale in discesa, finendo letteralmente dentro al cantiere aperto per la riparazione di una condotta.

Da una primissima ricostruzione dei vigili del XIV Gruppo, sembra che il mezzo fosse parcheggiato su strada a qualche metro di distanza quando senza nessuno a bordo ha iniziato a muoversi finendo nel cantiere, ma i rilievi devono ancora chiarire la causa e se il freno fosse inserito correttamente.

A parte un po' di spavento che non ha ferito nessuno (se non l'orgoglio) e disagi alla mobilità, la spazzatrice bloccata nella buca ha richiesto la chiusura della strada per consentire ai vigili del fuoco e il personale Italgas di tirarla fuori, ma a giudicare da altre testimonianze, alle ore 12:15 era ancora lì, facendo veramente poco per il decoro della strada nel suo primo giorno di servizio.

Via | Ama

  • shares
  • Mail