Prefettura: Pecoraro se ne va, al suo posto Gabrielli?

Tra due settimane l'attuale prefetto lascerà l'incarico dopo più di sei anni

Tra due settimane Giuseppe Pecoraro lascerà l'incarico di prefetto di Roma, incarico che ricopre dal novembre del 2008. Un mandato lungo, anzi il più lungo da quando esiste la figura del prefetto di Roma: quasi sette anni in cui non sono mancati momenti difficili e situazioni delicate. Solo guardando agli ultimi mesi, basti citare le polemiche con il sindaco Marino per le trascrizioni delle nozze gay, per il quartiere a luci rosse e le accuse per la gestione dell'ordine pubblico in occasione dei disordini causati dai tifosi del Feyenoord.

E da più parti oggi si fa il nome del successore che il premier Renzi avrebbe già scelto. Non un prefetto di altre città, come di prassi, ma l'attuale capo della Protezione Civile Franco Gabrielli. Viareggino, classe 1960, ha una lunga militanza negli apparati di polizia, prima come capo della Digos dal 2001 e poi come capo del SISDE, il servizio segreto civile (poi divenuto AISI) dal 2006. Nel 2009 il governo lo nominò prefetto de L'Aquila per gestire il dopo-terremoto. In Abruzzo è stato vice commissario alle emergenze al fianco dell'allora capo della Protezione Civile Guido Bertolaso.

Quando quest'ultimo è andato in pensione – tra le polemiche per le indagini in cui era coinvolto – il governo Berlusconi nominò al suo posto proprio Franco Gabrielli, che negli anni successivi ha saputo conquistare di volta in volta la fiducia dei premier Monti, Letta (che era stato suo compagno di scuola) e Renzi. Quest'ultimo, in particolare, si dice sia stato "folgorato" dal modo in cui Gabrielli ha gestito il recupero della Costa Concordia.

Da qui la decisione di promuoverlo ad altro incarico. Secondo indiscrezioni riportate da Dagospia, infatti, quello di prefetto di Roma sarà solo un "parcheggio", per quanto prestigioso, per Franco Gabrielli, che fra un anno e mezzo potrebbe essere nominato capo della Polizia al posto di Alessandro Pansa. Per il momento, però, si troverà a gestire i delicati dossier sicurezza della Capitale e a ricucire i rapporti tra Prefettura e Campidoglio, ora ai minimi storici.

Engineers Attempt To Raise The Costa Concordia Cruise Ship After It Sank In 2012

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail