IceRide Roma: dal Colosseo Pedalata Polare in difesa dell'Artico

Sabato 4 ottobre 2014, Roma in difesa dell'Artico partecipa alla Pedalata Polare di IceRide che parte al Colosseo.

L'area oceanica dell'Artico, quasi completamente circoscritta da masse continentali, è una preziosa fonte di calore per le aree circostanti, insieme a tundra e foreste che ospitano orsi e volpi artiche, dal manto candido come i ghiacciai che costituiscono la calotta del Polo Nord, e la abitano insieme a foche, trichechi, renne e alcuni tipi di ermellini.

O meglio, tutto quello che resiste in un continente minacciato prima di altri dal riscaldamento globale, originato da fenomeni naturali come i cicli solari e i moti della Terra, quanto dal notevole incremento di concentrazione dei gas serra nell'atmosfera rilevato a partire dalla metà del XX secolo, che il protocollo di Kyoto mira a ridurre, e del quale nell'ultimo cinquantennio sembrano essere in gran parte responsabile usi e abusi dell'uomo, con l'incremento di deforestazione e di aerosol in bomboletta.

Un riscaldamento globale che continua a ridurre i ghiacciai artici e ad aumentare la percentuale di plastica rilevata nelle acque marine dal rapporto del “Global Warming Releases Microplastic Legacy Frozen in Arctic Sea Ice” del gruppo di ricercatori del Dartmouth College.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

A questo si aggiunge anche la recente scoperta fatta dal team di scienziati guidato da Jason Box del Geological Survey of Denmark and Greenland durante la breve estate artica, con la presenza di una grossa area ricoperta da detriti scuri, chiamati crioconite, che arrivando da deserti, incendi, centrali a carbone e motori diesel, si depositano sul ghiaccio riducendone la riflettività e accelerando lo scioglimento.

Mentre gli studiosi continuano a rilevare dati pochi edificanti sul cambiamento climatico che non resta circoscritto all'area artica, con conseguenze su tutto il resto del pianeta, e qualcuno la difende come occasione del rilancio dell'economia ma senza il fardello della finanza, dopo la marcia globale il 21 settembre per fermare i cambiamenti climatici, da Greenpeace Italia arriva l'invito a gonfiare le ruote delle biciclette per #IceRide, e prepararsi a pedalare in difesa dell'Artico e del futuro di tutti.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Un invito ad unirsi ad un movimento globale, esteso a tutti, in bici, sullo skate, i pattini o a piedi… che a Roma, sabato 4 ottobre 2014, parte alle ore 11.00 da via dei Fori Imperiali all'ombra del Colosseo.

Qualcosa da fare per tutti, tutti insieme, cercando di superare la Pedalata Polare 2013 di 24.000 persone in 126 città di 37 diversi paesi.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

  • shares
  • Mail