Camion Bar, banchi e fiorai: via da Fori, Colosseo, Tridente, Trinità dei Monti, Navona e Pantheon

Il tavolo tecnico per il Decoro del Comune di Roma dichiara incompatibilità, spostamento e ricollocazione di banchetti urtisti, stalli riservati a camion bar e fiorai del centro storico.

In tempi di saldi fuori stagione e corruzione all'incanto, ben pochi saranno rimasti sorpresi dalla 'mossa del giaguaro' operata sul correttivo delle tasse di camion bar e bancarelle varie, paventata nei secoli dei secoli e poi 'accarezzata' da un aumento irrisorio, ma questa foto potrebbe essere una delle ultime scattate sotto il Colosseo.

Camion bar al Colosseo

Tra passi da gambero e da formica, dal tavolo tecnico per il Decoro costituito da Comune e Mibact, arriva anche la dichiarazione di incompatibilità, lo spostamento e la ricollocazione dei 43 banchetti di urtisti (peromanti o ricordari se preferite, venditori di souvenir, rosari, cristi e colossei), dei 22 stalli riservati a 69 camion bar dei Tredicine, e degli 11 fiorai provvisti di licenza concessa dal I Municipio, per l'area archeologica centrale (Circo Massimo, Fori Imperiali, Colosseo, piazza Venezia) il Tridente, Trinità dei Monti, piazza Navona e piazza del Pantheon.

In attesa di ridefinire il riordino e il tariffario generale dell'occupazione del suolo pubblico delle attività commerciali presenti nel Centro di Roma, il provvedimento sposta camion bar, banchi e fiorai in altre aeree del centro storico, individuate con criteri attenti a non penalizzare i commercianti.

Camion Bar

Fatta eccezione per piazzale Ugo La Malfa e piazza Bocca della Verità), parecchi parcheggi sulle strisce blu del Lungotevere lasceranno il posto ai 22 nuovi stalli per i camion bar spostati a forza:
- lungotevere Oberdan, tra piazza del Fante e ponte Risorgimento (vicino alle bancarelle dei libri usati);
- lungotevere Testaccio, da ponte Testaccio (ex Mattatoio) a ponte Sublicio (Porta Portese);
- lungotevere Maresciallo Diaz, altezza via Capoprati lato del fiume (e dell’Olimpico);
- via della Piramide Cestia, da piazza Albania a Porta San Paolo.

Banchetti urtisti

Si tratta di aree prossime a quelle che già occupano, nel caso dei banchetti dei 43 urtisti, spostati in via di San Gregorio, nel tratto compreso tra via Celio Vibenna e Porta Capena, sul lato della strada adiacente al Celio "all'ombra del Colosseo" non solo d'estate.

Fiorai

Tenendo conto dell'anzianità di servizio degli 11 fiorai, 3 potranno spostare i loro banchi a Trinità dei Monti (due in cima e uno ai piedi della scalinata), mentre ai restanti 9 resta il marciapiede sul lato giardini di via Carlo Felice (San Giovanni in Laterano).

Tutti gli esercenti coinvolti dal provvedimento che li sposta d'autorità hanno venti giorni di tempo per presentare le loro controdeduzioni alla decisione del Comune, anche se non serve tanta immaginazione per prevedere la gamma di ricorsi ed esposti alla Procurara che questo frutterà, dopo quelli paventati da commercianti e Tredicine lo scorso agosto, e le minacce di mobilitazione più recenti avanzate dalle categorie in caso di mancata consultazione.

Successivamente il Campidoglio, preso atto dei pareri, formulerà le sue risposte per poi arrivare ad una seconda e definitiva determinazione dirigenziale che sarà a quel punto attuativa di questo atto amministrativo.

Niente che faccia gridare all'arresto dell'invasione di camion bar, bachi di souvenir, frutta costosa e fiorai nel centro storico, almeno per ora, forse un primo passetto per arrivare a modificare la topografia delle cartoline romane, sperando che non faccia la fine dei rincari delle tariffe.

Foto | 06blog

  • shares
  • Mail