La settimana dei Municipi. Le scuole in cui la campanella tace

Le famiglie romane con figli in età scolastica o prescolare, sono quest'anno alle prese con aumenti delle mense e del trasporto scolastico. Ma alcune scuole non potranno aprire e altre hanno ancora problemi di manutenzione nonostante l'anno sia iniziato.

E' suonata la campanella anche nelle scuole delle Capitale, ma per i genitori romani è stato un rientro “amaro” dal punto di vista del portafoglio, visti gli aumenti delle rette scolastiche per cui si andrà a pagare, in base all'Isee famigliare, fino al 15 per cento in più rispetto all'anno scorso.

Il tutto “senza parlare poi della difformità di trattamento che si riscontrerebbe da Municipio a Municipio”, come rimarca in una nota Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio, che assieme al comitato DifendiAMO ROMA sta raccogliendo segnalazioni e proteste dei genitori.

Ma il problema non è solo quello purtroppo, visto che in alcune scuole e asili della Capitale la situazione è critica dal punto di vista della manutenzione, e in altre non ci sono ancora le condizioni neanche per poter aprire.

Partiamo dal caso della scuola di via Pensuti alla Muratella, nel Municipio XI. “Dalla relazione dei tecnici è emerso che parte della struttura è da demolire e il resto va sottoposto a lavori di consolidamento" e quindi “l'importo stanziato inizialmente non è più sufficiente a garantire la costruzione della scuola così come progettata” spiega Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI.

"Il plesso "avveniristico" a distanza di 8 anni non ha ancora visto la luce; anzi quel poco che c'è sta pure crollando,Colpa di Alemanno? Colpa di Veltroni? Si, e adesso anche colpa di Marino e della sua emanazione politico-amministrativa a livello municipale, Veloccia", si chiede invece Alessio Marini, consigliere municipale del Movimento 5 Stelle.

In ogni caso, nel mese di ottobre come informa la consigliera Mino, “sarà fissata una nuova riunione dove i tecnici si sono impegnati a fornire un'indicazione chiara su tempi di apertura della struttura”.

lavagna

 

E' caos taglio del verde invece, nonostante sia ormai già passato il primo giorno di scuola, nel Municipio IV.

“Ad agosto ho richiesto al Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde il programma degli interventi di sfalcio e potatura del verde negli istituti scolastici del nostro territorio. A tutt’oggi gli interventi sono stati effettuati solo in alcuni istituti, creando un vero e proprio caos alla riapertura delle scuole”, spiega infatti
il minisindaco Emiliano Sciascia.

Per questo viene chiesto “un intervento urgente affinchè sia ripristinata la normalità per il bene degli alunni e degli insegnanti”, continua.

Altra brutta notizia, la vandalizzazione di tre aule di scuola materna a via Paternò (Borghesiana) nel Municipio VI, ancora in attesa di inaugurazione, peraltro.

Probabilmente, ora che va rimessa a nuovo ampia parte della scuola, i soldi previsti per la rimessa a nuovo della scuola – già precedente vandalizzata, “ora non basteranno più” informa la consigliera municipale NCD del Municipio VI Claudia Colagrossi anche se in ogni caso “la scuola – prosegue – se fosse stata ripulita comunque non avrebbe potuto aprire a settembre per mancanza di fondi per organico ed arredi”

Anche la scuola di via Prampolini (Ponte di Nona), prosegue, “vede slittati i tempi di consegna e presenta problemi legati alla mensa e alla messa in sicurezza dell’entrata alla scuola tanto che nei prossimi giorni ci dovrebbe essere un sopralluogo congiunto municipio e dipartimento per verificare tali problematiche”.
.

Come è andato l'inizio di anno scolastico dei vostri figli? Altri casi di “campanella amara” da segnalare?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail