Piove sulla capitale che sperimenta l'asfalto a prova di nubifragio

Roma on the road sotto la pioggia, sull'asfalto screpolato, e quello tappato con il nuovo bitume a prova di nubifragio (più resistente e costoso), si creperà prima l'asfalto e le nostre tasche? ...

strada dissestata

Oggi piove sulle strade di Roma, sbriciolate dal passaggio di veicoli, intemperie e provvedimenti inutili, mentre i veicoli fanno lo slalom tra crateri ancora aperti e buche tappate male, nella speranza che la pioggia non ne apra altre.

Piove anche sul primo test del nuovo asfalto a prova di nubifragio, messo in posa proprio ieri sul manto stradale patchwork di via Casorezzo, nella zona Selva Candida del Municipio XIV), anche se le previsioni meteo non sembrano paventare una pioggia tale da testarne le caratteristiche del nuovo “ecophalt” adottato in via sperimentale dal Dipartimento SIMU (Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) di Roma Capitale. 

Un materiale più duro ed elastico, soprattutto più resistente all’acqua, anche durante la messa in opera, con la possibilità di riaprire la strada appena 6 minuti dopo la stesura, già

Uno speciale asfalto a freddo che costerebbe 400 euro a tonnellata (circa il 30% in più dell'asfalto freddo tradizionale) assicurando di durare quattro volte di più dei materiali convenzionali adottati sino ad ora, sperimentato insieme ad un mastice bituminoso che penetra negli interstizi colmando le fessure e risanando le cosiddette fratture ‘a pelle di coccodrillo’.

Un materiale messo in campo nel nuovo bando della manutenzione stradale, per risanare le buche anche sotto i nubifragi sempre più frequenti, intervenendo sulle strade con una manutenzione programmata che provveda a prevenire e non solo a tappare le buche mappate, magari ricorrendo a strumenti come il sistema di mappatura 3D dello 'stato di salute' della pavimentazione stradale.

“Grazie alla manutenzione programmata, che abbiamo presentato lo scorso luglio, renderemo la manutenzione più efficiente, intervenendo sulle strade prima che raggiungano un alto livello di degrado”.

Questo almeno stando alle dichiarazione rilasciate durante il test, dall'assessore comunale ai Lavori pubblici, Paolo Masini, ma sempre 'compatibilmente con le risorse a disposizione.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail