Multe Roma: in autunno commutate anche da telecamere di telepass, tutor e varchi Ztl?

In attesa del via libero del Parlamento per una nuova legge che consente alle telecamere di telepass, tutor e varchi Ztl di multare ogni minima infrazione del codice della strada.

Dopo i primi record di multe incassate dai nuovi autovelox del piano di repressione dell'alta velocità “Andate piano", sembra che il numero di multe prese, pagate (o non pagate) dagli automobilisti indisciplinati di Roma non sia più da primato, quanto meno rispetto ad altre città d'Italia.

Questo probabilmente perchè la maggior parte degli occhi elettronici che "vigilano" su di noi 24 ore su 24 (tranne quando serve ovviamente) non sono autorizzati a fare multe, ma che succederebbe se le telecamere di tutor autostradali, telepass e varchi Ztl, iniziassero anche a commutare sanzioni per le infrazioni rilevate durante il loro consueto orario di esercizio?

Hal_9000

Nessuna rivolta tecnologia alla HAL 9000 del fantascientifico 2001 Odissea nello spazio di Kubrick, ovviamente, solo uno strumento 'onnipresente' a servizio del Ministero dell'Interno e dei Trasporti, che stando alle rivelazioni del quotidiano online Libero, lo ha messo a punto, oltre a varare il Cnai, ovvero il Centro nazionale accertamento delle infrazioni, che accoglierà le foto delle nuove multe, insieme a quelle degli autovelox.

Già una realtà per paesi europei come la Germania, che l'Italia sembra pronta a seguire. Per rendere tutto operativo mancherebbe solo il via libero del Parlamento su una nuova legge, che dopo aver saltato l'appello dello scorso febbraio, potrebe arrivare con la egge di Stabilità, o in sede di conversione del decreto "Sblocca Italia" (con la complicità di tutti i partiti), e quindi in strada printo a multare anche i più piccoli trasgressori già in autunno.

In questo modo ai controlli di telepass, tutor e telecamere dei varchi Ztl, non sfuggirà neanche chi guida contromano, senza fari, assicurazioni, o il casco, prontamente fotografo e multato, dopo che la scatto, passato per il Cnai, avrà attivato anche un controllo su assicurazione, revisione, con la presenza di eventuali sequestri o fermi giudiziari.

Questo significa che gli automobilisti romani dovranno fare una maggiore attenzione al rispetto del codice della strada, non tenendo più conto solo della mappa degli autovelox della capitale, ma di quella di tutti gli occhi del grande Fratello che veglia sulla strada, in aggiunta a quelli di vigili (meno spassosi di Albertone), ausiliari del traffico, autisti dei mezzi di trasporto pubblico ecc.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail