Roma grandi mostre: da Henri Cartier Bresson a Escher, Numeri e Mummie, aspettando Matisse

Roma si prepara alla nuova stagione di grandi mostre, con Henri Cartier Bresson, Escher, Dennis Hopper, Tiepolo e Sironi, Hans Memling e Norman Rockwell, L’Italia dell’Alta Moda e la Roma di Augusto, Numeri e Mummie egizie, aspettando Matisse

L'estate sta finendo e tra ritorni di caldo e previsioni di pioggia si prepara anche una nuova stagione di grandi mostre romane che aspetta la primavera con la vibrante «Matisse. Arabesque», curata da Ester Coen alle Scuderie del Quirinale, dal 1° marzo 2015 al 30 giugno 2015.

eye - Escher

Una fine d'estate pronta ad annusare l'autunno con «Wrap it up» di Tobias Rehberger al Macro (19 settembre 2014 - 11 gennaio 2015); l'universo tratteggiato da MC Escher al Chiostro del Bramante (20 settembre 2014 - 2 febbraio 2015); la controcultura USA fotografata da «Scratching the Surface: Photographs by Dennis Hopper» alla Gagosian Gallery (23 settembre – 8 novembre 2014); «Le Chiavi di Roma. La città di Augusto» ai Mercati di Traiano (24 settembre 2014 - 12 aprile 2015.

#BressonRoma

L'attesa retrospettiva di Henri Cartier Bresson a cura di Clément Chéroux, dopo il Centre Pompidou di Parigi arriva al Museo dell’Ara Pacis (26 settembre 2014 - 6 gennaio 2015); tutti i ritratti della XIII edizione di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma che partono dal MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma per toccare diversi sedi (27 settembre 2014 - 11 gennaio 2015), mentre il Palazzo delle Esposizioni ospita «Meteoriti. Quando lo spazio comunica» e «Il mio Pianeta dallo Spazio: Fragilità e Bellezza» (30 settembre - 2 novembre 2014), costretto ad annullare (almeno per il momento) l'attesa mostra di Gerhard Richter.

Ad inaugurare il mese di ottobre è la geniale visionarietà di «Tiepolo: i colori del disegno» ai Musei Capitolini (2 ottobre 2014 - 18 gennaio 2015); la pittura di Mario Sironi al Complesso del Vittoriano (4 ottobre 2014 - 8 febbraio 2015); «I Bassifondi del barocco. La Roma del vizio e della miseria» all’Accademia di Francia-Villa Medici (7 ottobre 2014 -18 gennaio 2015).

Numeri. Tutto quel che conta, da zero a infinito

Il pittore fiammingo «Hans Memling» a cura di Till-Holger alle Scuderie del Quirinale (10 ottobre 2014 - 18 gennaio 2015); «Una capitale allo specchio, il rione Trevi tra età moderna e contemporanea» al Museo di Roma in Trastevere (10 ottobre 2014 - 11 gennaio 2015); tutto il fascino dei «Numeri. Tutto quel che conta, da zero a infinito» al Palazzo delle Esposizioni (16 ottobre 2014 - 15 febbraio 2015); quello delle «Mummie. I segreti delle tombe» con reperti prestati dal British Museum a Palazzo Cipolla (23 ottobre 2014 -2 febbraio 2015); mentre con «Open Museum Open City» il Maxxi si svuota di opere per riempirsi di sculture sonore tra performance di musica, danza, teatro, cinema, narrazione e poesia ( 30 ottobre – 30 novembre 2014).

American Chronicles- The Art of Norman Rockwell

A novembre «American Chronicles: The Art of Norman Rockwell» porta per la prima volta in Italia una retrospettiva completa del pittore e illustratore statunitense a Palazzo Sciarra (11 novembre 2014 - 8 febbraio 2015), il Bimillenario Augusteo porta «I fasti e i calendari nell’antichità» al Museo nazionale romano di Palazzo Massimo (14 novembre 2014 - 02 giugno 2015), mentre dicembre inizia dal 2 al MAXXI con «Bellissima. L’Italia dell’Alta Moda 1945–1968».

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail