Incendio al Prenestino: giallo sul ritrovamento del cadavere carbonizzato e impiccato

Rinvenuto il corpo di un uomo, impiccato e carbonizzato, nel Palazzo in via Prenestina, andato a fuoco nella mattinata del 3 settembre 2014.

Italian firefighters try to extinguish a

Durante l'intervento dei vigili del fuoco per spegnere le fiamme dell'incendio divampato nel garage di un palazzo al Prenestino, dopo diverse ore è stato anche rinvenuto il cadavere di un giovane uomo italiano di 34 anni, carbonizzato ed impiccato con un cavo nell'intercapedine di uno dei locali interessati dall'incendio.

Stando alle prime ricostruzioni degli inquirenti, e le testimonianze dei vicini, il giovane, padre di una figlia e in procinto di sposarsi, lavorava nel box sotto casa, occupandosi di lavori di falegnameria e ristrutturazioni edilizie, ed utilizzando attrezzi che potrebbero aver generato una scintilla capace di accendere le fiamme, probabilmente incrementate dalla presenza di vernici fortemente infiammabili.

Alcuni testimoni avrebbero anche riferito agli investigatori di aver visto un ragazzo nel garage con i pantaloni in fiamme, avvalorando una ipotesi sul diretto coinvolgimento del ragazzo nell'incendio, suicidato forse per il rimorso mentre lo stesso divampava.

Le indagini affidate alla polizia dovranno appurare la vera dinamica degli eventi, che in ogni caso con questo ritrovamento aprono nuovi scenari anche sulle possibili cause dell'incendio, accertando l'eventuale coinvolgimento del giovane, e/o il collegamento della morte dello stesso con il rogo che ne ha determinato la scoperta.

Nel frattempo è stato dichiarato inagibile il centro fisioterapico sito nell’appartamento al primo piano dello stabile, che si trova sopra il box dove stava lavorando il giovane.

Oltre al corpo del ragazzo rinvenuto quando ormai era già senza vita, sono rimaste intossicate due persone, ed è stato soccorso un passante caduto in terra al momento dello scoppio.

Aggiornamento

Incendio al Prenestino: autorimessa in fiamme, palazzo evacuato e strade chiuse

Garage in fiamme a Villa Gordiani, cinque squadre dei vigili del fuoco a lavoro per domare le fiamme e salvare condomini di una palazzina del Prenestino, strade chiuse.

Mentre la temperatura di Roma torna a scaldarsi, ad arroventate il quartiere Prenestino sta provvedendo un incendio divampato in mattinata all'interno di alcuni box privati al civico 49 di via Gennazzano.

A domare le fiamme ben cinque squadre dei vigili del fuoco, allertate da segnalazioni di cittadini allarmati da un forte boato che, dalle prime informazioni, sembra imputarsi all'esplosione di barattoli di vernice, conservati in una autorimessa sita nel piano interrato trasformata in deposito delle stesse.

Un deposito di vernici che potrebbe aver dato origine all'incendio, forse scaturita invece da un'auto alimentata a Gpl, le cause sono ancora da accertare, come l'entità dei danni, mentre per fortuna non sembrano esserci feriti.

A riversarsi in strada, la gente spaventata dall'esplosione e quella attirata dall'alta colonna di fumo nero sprigionato dall'ingresso dalla rampa di accesso di un'autorimessa, insieme alla polizia di Roma Capitale del V Gruppo Prenestino, la polizia ed i carabinieri, accorsi sul luogo insieme ai vigili del fuoco.

Le operazioni di intervento hanno costretto i vigili urbani a chiudere le strade limitrofe di via dei Gordiani direzione largo Battipaglia, e via Monteforte Irpino nella stessa direzione, mentre in via preventiva gli inquilini del palazzo, che contano anche due disabili, sono stati allontanati.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail