Roma vista dai giornali stranieri. Sul Guardian la colonna sonora della città

coccoluto Attraversare via Margutta con Marius Vareid nelle orecchie, passando per via dei Coronari accompagnata da Bloodlands di Pittsburgh Track authority. Sono solo due dei suggerimenti dati dal dj Claudio Coccoluto sul Guardian per vivere gli angoli più belli della città con la “colonna sonora” giusta.

In effetti, ci avete mai pensato? Quale potrebbe essere lo stile musicale più adatto per descrivere la meraviglia che si prova ai piedi della scalinata del Campidoglio, o la vastità della veduta sulla terrazza Caffarelli?

L'eleganza discreta di via Giulia va assaporata, ad esempio, al mattino presto, scrive Coccoluto, con una traccia firmata Herva nelle orecchie. In via dei Coronari è possibile comprendere invece, scrive il dj, come la città in certe zone sia una “metropoli” nel senso di un “villaggio” moderno.

Iron Curtis accompagna idealmente il passaggio su via Appia Antica, mentre i Clover sono l'ideale per una fuga dal lusso di via Veneto mirando dritti al verde di Villa Borghese. Oppure perdetevi nelle vie intorno santa Maria in Trastevere con Bottin, Francisco & Rodion. Per avere la classifica completa, andate qui.

  • shares
  • +1
  • Mail