Roma Criminale: Caso Vasile, i giudici confermano la pena. E' giusto?

15 anni e sei mesi di carcere. Omicidio volontario. La Corte d'assise d'appello conferma la condanna di primo grado per Ignatiuc Vasile, il ragazzo moldavo responsabile della tragedia del 18 luglio 2008 all'incrocio fra Nomentana e viale Regina Margherita che costò la vita al 20enne Rocco Trivigno.

L’incidente avvenne ad un incrocio ormai tristemente noto tra la crudele via Nomentana e viale Regina Margherita, dove pochi giorni prima erano morti Alessio Giuliani e Flaminia Giordani, falciati da Stefano Lucidi - poi condannato a 10 anni, quindi in appello a soli 5, per omicidio colposo.

Vasile viaggiava sul furgone rubato a circa 160 chilometri orari e stava fuggendo dalla polizia incontrata in viale Liegi. Lucidi era sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, nonostante lo scontro col motorino dei due ragazzi, Lucidi proseguì la corsa e poi chiuse l’automobile in una rimessa. Fu rintracciato dopo. Allora perché nonostante le dinamiche simili, il doppio omicidio, e l'omissione di soccorso, ci sono ben dieci anni di differenza di pena? A proposito, io ne avrei dati 30 ad entrambi.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO